20 agosto 2019
Aggiornato 00:30
Cronaca

Anarchici assaltano il carcere di Torino a Capodanno: esplosi razzi e bombe carta

Razzi, bombe carta, fuochi d’artificio ma anche oggetti contundenti e bottiglie di vetro:un’agente di polizia è rimasta ferita al capo

TORINO - Non è stata una notte di festa al carcere Lorusso e Cutugno di Torino. Eppure di botti ce ne sono stati, anche troppi: ieri sera, poco prima di mezzanotte, sessanta soggetti appartenenti all’area anarchica torinese, hanno dato vita a una protesta piuttosto «movimentata» fuori dal carcere.

ASSALTO - Gli anarchici hanno tirato dentro il carcere esplosivi di ogni genere: da razzi a bombe carta, i fuochi artificiali sono stati esplosi ad altezza uomo, in direzione del personale della polizia di stato. Il gruppo ha anche tirato tantissime bottiglie di vetro e oggetti contundenti contro gli agenti, tanto che un’operatrice è stata colpita al capo e ha dovuto ricorrere alle cure mediche. A causa dell’assalto, i poliziotti in servizio hanno dovuto rispondere con lacrimogeni, riuscendo così a disperdere gli anarchici. La Digos ha poi rinvenuto diversi oggetti fuori dal carcere, abbandonati dai manifestanti durante la fuga.