23 aprile 2018
Aggiornato 07:00
Comando della municipale

Raid in via Bologna contro la municipale, danneggiate di notte le auto private degli agenti

In via Bologna un «regalo» inaspettato nella notte di Capodanno. Quello che è successo sembra essere un attacco mirato fatto da persone incappucciate

Raid contro le auto private della polizia municipale (© ANSA)

TORINO - Nella notte di Capodanno, un’oretta dopo lo scoccare della mezzanotte, una o due persone incappucciate hanno fatto visita al Comando della polizia municipale di via Bologna. Hanno preso di mira le vetture private degli agenti in servizio, riconoscibili perché parcheggiate negli spazi appositi o per il tesserino ben esposto, danneggiandole gravemente prima di sparire nel nulla. Il «regalo» per l’inizio del 2018 i poliziotti se lo sono trovato una volta rientrati al Comando: tutti i parabrezza erano spaccati, alcune vetture rigate, altre ammaccate evidentemente perché qualcuno aveva saltato sui cofani.

VIDEOCAMERE - Sono scattate subito le indagini per risalire agli autori dei danni. I teppisti non si sono fatti problemi che ci fossero le telecamere di fronte al Comando, anzi quasi per sfidare gli agenti hanno danneggiato un’auto che si trovava a pochi metri dall’ingresso principale. E ora la polizia municipale confida nelle registrazioni proprio delle telecamere di sorveglianza per identificare chi è stato. Un aiuto potrebbe arrivare anche da altre videocamere di sorveglianza presenti in zona.

POCA SICUREZZA - L’episodio ha fatto sbottare i sindacati perché per l’ennesima volta viene a galla il problema della sicurezza intorno a via Bologna, anche per gli agenti di polizia municipale. «Il prossimo 10 gennaio avremo un incontro con il nuovo comandante Bozzon», annuncia Piero Primucci, segretario del sindacato Sulpl, «il tema è il riordino del corpo di Torino, ma riproporremo il problema della sicurezza della sede di via Bologna perché è del tutto inadeguata».