18 ottobre 2018
Aggiornato 12:00

Musei Civici, Leon: «Abbiamo pensato ai musei, alla Città e ai lavoratori»

«Non avremmo potuto immaginare un inizio d'anno migliore di questo» ha commentato soddisfatto il presidente della Commissione Lavoro, Andrea Russi
Assessore alla Cultura, Francesca Leon
Assessore alla Cultura, Francesca Leon (Diario di Torino)

TORINO - Dopo i giorni di tensione che hanno contraddistinto la fine del 2017 con il caso dei 28 lavoratori in esubero della Fondazione Musei e le polemiche dell'anno nuovo relative al numero di visitatori in calo del 2017 ai Musei Civici, si torna a parlare di lavoro e cultura a Torino. Sono ripresi infatti questa mattina, lunedì 8 gennaio, i lavori della due Commissioni congiunte ed è tornato alla ribalta il tema delle prospettive future dei lavoratori delle cooperative dei Civici. La seduta si è conclusa con l'annuncio dell'assessora comunale alla Cultura Francesca Leon di un bando che verrà assegnato entro luglio 2018.

MUSEI - L'appalto relativo ai servizi di custodia e di biglietteria dei Musei Civici infatti scadrà il prossimo 30 giugno e, nei mesi scorsi, in Consiglio Comunale, è stata espressa la preoccupazione per le prospettive di lavoro dei dipendenti delle cooperative. «Abbiamo pensato ai musei, alla Città e ai lavoratori» ha esordito Leon in Commissione e ha proseguito spiegando a grandi linee i punti saldi del capitolato d'appalto, stilato in seguito agli incontri con sindacati, lavoratori e direttori dei musei. 

GARA - Si tratta di un appalto con un unico assegnatario (anche se il servizio verrà articolato su più lotti), della durata di tre anni e prorogabile per altri tre. «In questo modo», ha spiegato Leon, «si mira ad abbreviare il percorso di risoluzione dei problemi. Si tratta di una diversa modalità di appalto che permette di accorciare la filiera di relazione a vantaggio della qualità de lavoro». Dalle opposizioni si dicono piacevolmente contenti di apprendere che le suggestioni proposte in aula siano state accolte, in particolar modo per quel che riguarda l'unicità dell'appalto, ma anche per questioni di ordine logistico legate, ad esempio, all'interscambio dei lavoratori all'interno del polo museale. Proseguono quindi le discussioni con i singoli attori in scena e, si aspetta il primo luglio per l'assegnazione dell'appalto. «Non avremmo potuto immaginare un inizio d'anno migliore di questo» ha commentato soddisfatto il presidente della Commissione Lavoro, Andrea Russi.