23 gennaio 2018
Aggiornato 04:30
Comune

Usa l'auto del Comune per andare a prendere la figlia, è polemica sulla consigliera 5 Stelle

Non è la prima volta che la consigliera Montalbano si trova nell'occhio del ciclone

Deborah Montalbano (© Facebook Profile)

TORINO - E' stato l'autista di Palazzo Civico a portare all'onore delle cronache l'uso che la Consigliera Comunale Deborah Montalbano, esponente del Movimento Pentastellato e militante nel quartiere delle Valeltte, ha fatto dell'auto di servizio. Stando a quanto dichiarato da D.C infatti pare che lo scorso sette novembre Montalbano si sia fatta accompagnare a prendere la figlia piccola per poi tornare immediatamente a Palazzo Civico. Contattata telefonicamente dal quotidiano La Repubblica, Montalbano ha confermato l'accaduto, giustificando tale comportamento con una necessità dell'ultimo momento a cui non poteva far fronte in diversa maniera. «Ho chiesto ai miei colleghi un passaggio. Nulla. Dovevo arrangiarmi».

COMUNE - Non è la prima volta che Montalbano si trova nell'occhio del ciclone: si ricorderà come, a pochi mesi dall'insediamento della Giunta Appendino, fosse scoppiato il caso degli affitti non pagati alle Vallette o, in tempi più recenti, lo scandalo dei 250 euro di taxi rimborsati dal Gruppo.Arriviamo così ai giorni nostri e alla questione della macchina di servizio utilizzata per questioni non istituzionali. Non resta che aspettare le reazioni del Movimento. Intanto Montalbano commenta: «Vogliono cacciarmi, mi caccino. Io non me ne vado».