23 gennaio 2018
Aggiornato 05:00
Cronaca

Scontri allo stadio tra ultras del Toro e del Cagliari: 28 persone denunciate

Calci, pugni e cinghiate: il contatto tra le due tifoserie è avvenuto davanti alla curva Maratona, prima della partita

TORINO - Calci, pugni e cinghiate prima dI una partita di Serie A. E’ successo lo scorso 29 ottobre, in occasione del match tra Torino e Cagliari. Gli scontri sono avvenuti all’esterno della curva Maratona, cuore del tifo granata e hanno visto come protagonisti una 40ina di ultras sardi e i supporter del Toro in attesa di entrare all’interno dello stadio. La successiva attività investigativa ha permesso di individuare e denunciare 28 persone e di arrestarne altre due.

GLI SCONTRI - A ricostruire quei minuti di pura follia è stata la Digos di Torino: i tifosi del Cagliari sono arrivati a Milano con dei voli di linea, poi hanno noleggiato alcune autovetture con cui hanno raggiunto Torino. Dopo averle parcheggiate in periferia, sono saliti sui mezzi pubblici e sono arrivati in zona stadio, scendendo appositamente nei pressi della curva Maratona. Due i contatti tra le tifoserie, in due momenti differenti: in entrambe le occasioni, gli ultras hanno utilizzato cinture e oggetti contundenti. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha fatto si che la situazione non degenerasse.

DASPO E DENUNCE - Due ultra sardi, C.C. di 44 anni e T.M di 27 anni, sono stati arrestati in flagranza di reato. Le successive indagini hanno permesso di denunciare per rissa aggravata 21 aderenti allo storico gruppo «Sconvolts», tutti sprovvisti di tessera del tifoso e sottoposti a precedenti provvedimenti di Daspo. La Digos di Torino ha poi individuato e denunciato anche 7 persone aderenti al gruppo Ultras Granata, di cui tre già sottoposti a Daspo. Per gli episodi di violenza sopracitati, la Questura ha quindi adottato 30 provvedimenti Daspo, di cui 21 con obbligo di firma fino a un massimo di 7 anni.