20 ottobre 2018
Aggiornato 04:00

«La disabilità? Non è un ostacolo»: il viaggio in carrozzina di due torinesi arriva su Rai 3

Danilo Ragona e Luca Paiardi raccontano i loro viaggi: «La disabilità non è un ostacolo ad una vita vissuta pienamente: è solo un altro punto di vista»

TORINO - «La disabilità non è un ostacolo ad una vita vissuta pienamente. E’ solo un altro punto di vista!». Parola di Danilo Ragona e Luca Paiardi, due torinesi costretti da quasi 20 anni in carrozzina a causa di un brutto incidente. Se pensate che la carrozzina li abbia limitati, vi sbagliate di grosso. Troppo grande la voglia di viaggiare, di vivere esperienze spinti da una forza di volontà superiore a qualsiasi limite fisico. Lo straordinario «viaggio in carrozzina» di Luca e Danilo verrà raccontato domenica 14 gennaio, alle ore 15:30, nella trasmissione «Kilimangiaro», su Rai 3.

CHI SONO DANILO E LUCA - Danilo e Luca da ormai tre anni percorrono il nostro paese con le loro carrozzine. L'obiettivo? Portare nel mondo un messaggio tanto chiaro quanto strabiliante: la disabilità è un limite da esplorare, un punto di vista diverso dal quale vivere e raccontare la vita di tutti giorni. I loro viaggi sono ironici, divertenti, avventurosi. Pieni di vita. Danilo è un progettista e designer, Luca è un architetto e musicista. Il loro progetto più importante è «Viaggio Italia», un percorso a tappe per il nostro paese che nel 2018 toccherà anche altre destinazioni europee.

IL VIAGGIO - Se è vero che il viaggio è divertente è avventuroso, è altrettanto vero che in ogni tappa non possono mancare due elementi: lo sport e la visita delle unità spinali. Le unità spinali sono il posto dove chi ha avuto un incidente come Danilo e Luca, inizia a capire come riprendere a vivere. Loro le visitano tutte, per trasmettere alle vittime degli incidenti la propria positività e forza. Viaggio Italia è un viaggio intenso, emozionante, faticoso. Che non potrebbe esistere se non ci fossero le nuove tecnologie che consentono a Danilo, a Luca e a tutti coloro che vivono la disabilità di superare i propri limiti e sognare sempre più in grande. Viaggio Italia è solidarietà perché è un pretesto per raccogliere fondi importanti: «20 anni in piedi e quasi 20 anni seduti… sappiamo bene com’era prima ma ci piace tantissimo anche vivere il presente. E vogliamo impegnarci perché sia sempre più facile».