Cronaca | Ospedale Regina Margherita

Bambino di 5 anni colpito da emorragia cerebrale in piscina, in coma farmacologico da martedì

Il piccolo si è sentito male durante la lezione al Centro Nuoto di Nichelino. Con lui c'era anche il fratellino mentre la mamma guardava entrambi da fuori

Il bambino è in coma farmacologico al Regina Margherita
Il bambino è in coma farmacologico al Regina Margherita ()

NICHELINO - Un bambino di 5 anni da martedì sera è ricoverato all’ospedale Regina Margherita in coma farmacologico. Il piccolo è stato colpito da un’emorragia cerebrale. E’ avvenuto tutto sotto gli occhi della mamma che guardava lui e il fratellino fare lezione di nuoto serale al Centro Nuoto di Nichelino. Poco dopo avere iniziato, il figlio di cinque anni ha detto all’istruttore di non stare bene, gli girava la testa e così, per riprendersi, è stato fatto sedere a bordo della vasca piccola, quella adatta ai bambini. Non è bastato però, il dolore non è passato e così è intervenuta anche la mamma che lo ha tenuto vicino a sé per tutto l’allenamento in attesa che il fratellino finisse la lezione. Poi il crollo: il piccolo ha iniziato a vomitare facendo pensare a un attacco influenzale. Ma così non era.

EMORRAGIA CEREBRALE - Dalla piscina è stato chiamato il 118 e un’ambulanza e accorsa a prendere il bambino per trasportarlo all’ospedale Santa Croce di Moncalieri. Dai primi esami non ci sono stati dubbi: si trattava di un’emorragia cerebrale. Immediato il trasferimento al Regina Margherita di Torino e il ricovero il Rianimazione. Il bambino è stato messo in coma farmacologico e, sentito il racconto della mamma, è stata esclusa qualsiasi ipotesi di urto involontario della testa. La prognosi per il momento resta riservata.