Cronaca | Arrestato latitante

Uccise un 24enne nel quartiere Lucento è fuggì dall’Italia, ritrovato in Olanda 3 anni dopo

E' stato arrestato dalla polizia di Rotterdam il trentenne Zeqo Bojken accusato per i reati di omicidio volontario e rapina aggravata

Alcune immagini della notte del 12 gennaio 2015
Alcune immagini della notte del 12 gennaio 2015 ()

ROTTERDAM - La notte del 12 gennaio 2015 si rese protagonista, con altri complici, dell’omicidio di un ragazzino di 24 anni in via Borgomasino, nel quartiere Lucento, perché aveva infastidito alcune prostitute delle quali era il protettore. Prima della condanna a 30 anni di reclusione riuscì a fuggire in Albania, ma oggi la sua latitanza è finita. La polizia olandese, a seguito delle indagini della Squadra Mobile della Questura di Torino, ha arrestato a Rotterdam Zeqo Bojken, 30 anni, in esecuzione del mandato d’arresto europeo per i reati di omicidio volontario e rapina aggravata.

L’OMICIDIO - La vittima si trovava a bordo dell’auto di un suo amico che venne prima   tamponata, poi inseguita e infine bloccata da alcune vetture. Da queste, era sceso un gruppo di stranieri dell’Est Europa, che aggredì i due. Mentre l’amico riuscì a fuggire, Said Waddoud venne violentemente percosso a morte. Due persone, un trentenne albanese e un ventinovenne bulgaro, furono fermati dalla polizia poco dopo l’aggressione. Le successive indagini condotte dalla Squadra Mobile di Torino permisero di identificare tutti gli aggressori, tra i quali appunto Zeqo Bojken. Per lui però la fuga è finita con l’arresto avvenuto in Olanda. Il ministero conferma che sono state già avviate con l'autorità giudiziaria olandese le pratiche di estradizione per il rientro in Italia.