Ambulanti, famiglie e commercianti: a Torino nuove tariffe par la Tari

Avviata una sperimentazione per gli ambulanti: la tariffa giornaliera. Novità importanti anche per commercianti e centri commerciali

TORINO - Cambia il sistema di ridistribuzione delle tariffe Tari. Buone notizie per gli ambulanti e i piccoli commercianti torinesi, meno buone le ultime novità che riguardano i centri commerciali e le famiglie numerose.

AMBULANTI, LA NOVITA’ - Facciamo chiarezza. Nelle prossime settimane verrà avviata una sperimentazione che porterà all’introduzione della tariffa giornaliera dei rifiuti per gli ambulanti di Torino. L’obiettivo? Porre fine alla fuga degli ambulanti dai mercati della città, un fenomeno che ha portato alla cessazione di 1621 licenze dal 2010 al 2017. L’esperimento partirà dai mercati di corso Svizzera, corso Cincinnato e Santa Rita. Insomma, gli ambulanti pagheranno la Tari solo sugli effettivi giorni di lavoro: la speranza è che questo provvedimento possa fermare l’emorragia. 

PICCOLI COMMERCIANTI E GRANDI CENTRI - Particolare attenzione dunque alla condizione degli ambulanti, a cui già l’anno scorso era stata ridotta la Tari su richiesta del M5S. Riduzione che potrebbe presto essere allargata anche ai piccoli commercianti, come proposto dal capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca: «C’è già il parere favorevole della Giunta, stiamo portando avanti questa battaglia e la stiamo vincendo. Se tutto andrà come previsto i commercianti di zona pagheranno meno sulla tassa rifiuti, che verrà invece aumentata per i grandi centri». Capitolo centri commerciali: l’intenzione sembra essere quella di far pagare loro di più, in relazione anche alla quantità prodotta e a una disponibilità economica ben diversa rispetto ai commercianti di prossimità. Il provvedimento potrebbe dare respiro al microcommercio.

FAMIGLIE, NESSUNA AGEVOLAZIONE - La nota dolente riguarda invece le famiglie, in particolare quelle numerose. Per loro infatti non è prevista alcuna agevolazione. Il «non provvedimento» non soddisfa il capogruppo dei Moderati, Silvio Magliano: «Ancora una volta ignorate le mie richieste: nessuna agevolazione per chi ha più di due figli. Le famiglie continueranno a pagare le stesse (salatissime) tariffe, nonostante le mie richieste, più volte dettagliatamente motivate, di provare a favorire i nuclei con più di due figli».