Cronaca | Centro massaggi

«Paga o ti sparo», scene da incubo in un centro massaggi di Torino: denunciati i titolari

Tutto ha avuto inizio quando la vittima ha risposto a un annuncio on line in cui  si parlava di "massaggi olistici"

Denunciati i due titolari di un centro massaggi
Denunciati i due titolari di un centro massaggi (Diario di Torino)

TORINO - E' scattata la denuncia per rapina e detenzione di armi abusiva per i titolari italiani di un centro massaggi della città. I due hanno puntato un fucile addosso a un cliente intimandogli di pagare anticipatamente la prestazione per cui aveva prenotato, dopodiché lo hanno derubato.

MASSAGGI -  Tutto ha avuto inizio quando la vittima ha risposto a un annuncio on line in cui  si parlava di «massaggi olistici» e, interessato dall'offerta, ha fissato un appuntamento per martedì scorso. La prestazione pattuita aveva la durata di due ore per un corrispettivo di 150 euro. Una volta giunto all'indirizzo indicato dall'annuncio però qualcosa non lo ha convinto: davanti a lui infatti c'era un normale portone di un appartamento e non un vero e proprio centro massaggi.

FUCILE - Sulla porta, una ragazza ha chiesto alla vittima il pagamento anticipato, ma questo si è rifiutato di pagare, volendo prima capire in che cosa consistesse veramente la prestazione. Solo a questo punto ha fatto il suo ingresso nella scena un uomo che si presentava come il titolare dell’attività. E' iniziata così una violenta lite con la vittima e, all'ennesimo rifiuto di questa di pagare anticipatamente, è intervenuta una donna (compagna dell’uomo e co-titolare dell’attività) imbracciando un fucile, che ha minacciato la vittima pretendendo il denaro. Il cliente, impaurito dalla presenza dell’arma, ha quini consegnato i soldi ai due ed è uscito di corsa dall’appartamento. Una volta fuori, l'uomo ha contattato il 112 e gli agenti della Squadra Mobile hanno accertato che l’arma utilizzata per minacciare la vittima fosse un fucile antico; nell’appartamento era ancora presente una ragazza che stava effettuando un «massaggio tantra» a un altro cliente, senza avere alcuna specializzazione o abilitazione professionale.