22 aprile 2018
Aggiornato 10:00
Cronaca

Rapina alla gelateria la Romana: a organizzare il colpo uno dei banconisti

Il commesso ha dato un segnale e il rapinatore è entrato in azione: le persone fermate hanno un’età compresa tra 19 e 21 anni

TORINO - Colpo alla gelateria La Romana di via Madama Cristina. Mercoledì sera, in orario di chiusura, un rapinatore si è portato via l’incasso giornaliero. Un colpo reso possibile da un complice del tutto inaspettato: uno dei dipendenti della stessa gelateria, un banconista. La rapina era stata pianificata tutta nei minimi dettagli: il segnale da dare al rapinatore, una saracinesca lasciata aperta a metà e il bottino da spartire. Un colpo studiato e riuscito alla perfezione, ma l’intervento dei carabinieri della stazione San Salvario ha permesso di fermare tre persone, tre ragazzi d’età compresa tra 19 e 21 anni.

LA RAPINA - Il capo della banda era il dipendente stesso de La Romana di via Madama Cristina 73/A: è stato lui a pianificare tutto. Mercoledì il commesso-basista ha svuotato il cestino della spazzatura al termine della giornata lavorativa, nonostante questa mansione sarebbe dovuta avvenire solamente di sabato sera. Per compiere quest’operazione ha sollevato a metà una delle due saracinesche dopo che questa era già stata chiusa dall’altro collega rimasto in chiusura. Un segnale concordato con i complici, che ha dato il via alla rapina. Il rapinatore è entrato in azione, il banconista gli ha immediatamente consegnato i soldi.

GLI ARRESTI - Per sfortuna della banda però ogni movimento è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza della gelateria e degli altri negozi della zona: le tre persone sono state quindi fermate e i carabinieri della stazione San Salvario hanno notificato una misura cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Torino, a due italiani di 19 e 21 anni, ritenuti responsabili della rapina. Un terzo complice, un ragazzo italiano di 20 anni dovrà invece presentarsi alla polizia giudiziaria per il ruolo marginale avuto in questa vicenda.