17 ottobre 2018
Aggiornato 19:30

«Mi hanno scippato alla fermata del 72»: il racconto della vittima incastra il ladro

Il ladro, un 26enne marocchino senza fissa dimora, solo due mesi prima aveva rapinato la borsa a una donna in via Chiesa della Salute
Il ladro è stato rintracciato dopo la denuncia
Il ladro è stato rintracciato dopo la denuncia (Questura)

TORINO - «Mi hanno scippato alla fermata dell’autobus 72, quella tra corso Brin e via Orvieto». E’ bastata la denuncia di un ragazzo di 17 anni, rapinato del suo telefono cellulare, per far arrestare uno scippatore seriale, un 26enne marocchino senza fissa dimora e autore di altre rapine in passato.

LA DENUNCIA - Due settimane fa il giovane si è presentato al Commissariato Madonna di Campagna, accompagnato dalla mamma, per denunciare la rapina subita da due uomini a bordo di uno scooter. I malviventi gli si sono avvicinati mentre il giovane era alla fermata, ad aspettare il pullman. La descrizione del rapinatore fornita dal 17enne, è però parsa subito famigliare ai poliziotti, che «conoscevano» uno dei due malviventi per una rapina avvenuta due mesi prima in via Chiesa della Salute. Tramite alcune foto segnaletiche, la giovane vittima ha riconosciuto il malvivente che l’aveva scippato.

LADRO RINTRACCIATO - I poliziotti, consci dell’identità del rapinatore, lo hanno cercato e rintracciato nella stessa giornata presso i giardinetti di via Giachino. L’uomo, che ha a suo carico diversi precedenti di polizia, in particolare per reati connessi agli stupefacenti, è stato pertanto sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per rapina in concorso. Inoltre, è stato denunciato per il furto commesso due mesi prima in via Chiesa della Salute.