15 novembre 2018
Aggiornato 13:30

Computer, cellulari e attrezzi: i 3 ladri hanno portato via di tutto, anche pezzi rotti

I tre sono stati arrestati per tentato furto in concorso
Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (Polizia di Stato)

TORINO - È venerdì sera quando due pattuglie di polizia vengono avvertite di un’intrusione all’interno dell’isola ecologica di via Arbe. Con i ladri ancora all’interno, gli agenti, bloccano l’entrata principale dello stabilimento e il retro di quest’ultimo per coprire un eventuale fuga. Così accade che i tre cittadini rumeni di 29, 20 e 19 anni, vedendosi braccati dai poliziotti, hanno tentato la fuga dalla recinsione posteriore dell’impianto dove, ad aspettarli, si trovava un’altra pattuglia. 

FURTO - Numerosi gli oggetti prelevati dai giovani tra i quali 10 cellulari, 2 computer, e diverse attrezzature da lavoro: trapani, martelli pneumatici e avvitatori. I tre si erano impossessati anche di diversi strumenti informatici e musicale. Pur essendo materiali di scarto, se riparati, avrebbero avuto un buon profitto, sul mercato nero. A carico del ventinovenne diversi precedenti di polizia contro il patrimonio, tra i quali, un arresto nel medesimo stabilimento cinque anni fa. I tre sono stati arrestati per tentato furto in concorso.