27 maggio 2020
Aggiornato 01:30
Cronaca

Assalto al carcere di Torino a Capodanno: retata in città, presi i responsabili

A un mese dalla folle notte di Capodanno, la Digos di Torino ha eseguito una serie di misure cautelari verso i responsabili dell’assalto

TORINO - Sono poco meno di venti le persone individuate dagli agenti della Digos di Torino come responsabili dell’assalto al carcere Lorusso e Cutugno di Torino, avvenuto lo scorso 31 dicembre. Nell’assalto, una settantina di anarchici tirarono bombe, petardi e oggetti contundenti contro la struttura, ferendo anche un’agente. Ieri l’operazione di polizia, in più zone della città: sei le misure cautelari emesse, mentre altri 13 persone sono state denunciate.

FERMI E ARRESTI - I responsabili sono stati rintracciati all’Università di Torino, nei centri sociali Barrocchio e Asilo, mentre uno di loro è stato fermato a Milano. Contestualmente alle misure cautelari, sono state effettuate diverse perquisizioni domiciliari che hanno permesso di sequestrare materiale di rilevanza probatoria alle indagini. I fermati hanno un’età compresa tra 25 e 39 anni. Spicca tra i fermati R.M., 25 anni, appartenente al centro sociale Telos di Saronno: è stato lui a lanciare la bottiglia di vetro che ha colpito l’operatrice della polizia scientifica al volto, procurandole uno sfregio permanente.