20 febbraio 2018
Aggiornato 00:30
Inquinamento acustico

San Salvario, movida più silenziosa grazie alle ordinanze del Comune: i dati dell'ARPA

I dati raccolti da ARPA sono incoraggianti e certificano la validità della strada intrapresa dal Comune nel 2017, offrendo una base di valutazione per ulteriori e ancor più efficaci interventi di mitigazione

Immagine d'archivio (© ANSA)

TORINO - «Le due ordinanze che l’estate scorsa hanno regolamentato le attività di somministrazione nel quadrilatero della movida di San Salvario hanno dato frutti molto positivi» fanno sapere dal Comune di Torino. A sostegno di tali affermazioni ci sono i dati del monitoraggio acustico che l’ARPA (Agenzia Regionale per la Prevenzione Ambientale) ha realizzato ormai da due anni nel quartiere delimitato da via Nizza, corso Vittorio Emanuele II, via Madama Cristina e corso Marconi. I dati aggiornati alla fine del 2017 non lasciano dubbi: nel periodo di validità dell’ordinanza n. 46, tra il 9 giugno e il 30 settembre 2017, il rumore prodotto dalla movida è calato in media di 2 decibel nelle quattro centraline di rilevamento collocate in altrettanti punti dell’area presa in esame. Considerando solo il periodo tra l’8 e il 30 luglio, periodo in cui si è aggiunta l’ordinanza n.60, la media sale a -2,5 db, con punte di -3,5 db. Nei mesi successivi, terminata l’efficacia dei provvedimenti comunali, i valori sono tornati sulla media del 2016.

RUMORE - Secondo i tecnici impegnati nella rilevazione, «tale riduzione dei livelli sonori notturni, in orario 22-06 - corrisponde a una diminuzione dell’emissione acustica legata alla movida compresa tra il 20% e il 55%» Variazioni analoghe sono state riscontrate anche di sera, tra le 20 e le 22. Il calo di inquinamento acustico è quindi da considerare importante ma non decisivo: «Permangono ampi superamenti dei limiti assoluti di immissione» hanno spiegato i tecnici dell’ARPA, «riferiti al periodo notturno per tutti i punti di misura. Tali superamenti si attestano su valori medi a lungo termine dell’ordine di 10 db per tutte le postazioni ad esclusione di largo Saluzzo, dove si verificano eccedenze più rilevanti». 

ARPA - I dati raccolti sono dunque incoraggianti e certificano la validità della strada intrapresa nel 2017, offrendo una base di valutazione per ulteriori e ancor più efficaci interventi di mitigazione. Sono in corso ulteriori analisi statistiche su base giornaliera e oraria per meglio comprendere l'effetto delle due ordinanze, che hanno imposto ai locali del quartiere una regolamentazione degli orari di apertura, anticipando la chiusura notturna, e della vendita di alcolici e superalcolici.  Tutti i cittadini possono consultare i dati misurati in tempo pressoché reale sul sito di Arpa Piemonte, attraverso il Geoportale, al link relativo al rumore nella Città di Torino. Si apre una mappa con indicata la posizione dei punti di rilievo; cliccando sul singolo punto si potrà raggiungere una pagina specifica riportante i dati di misura in tempo reale e i dati degli ultimi giorni.

PRECISAZIONI  - Va detto però che il monitoraggio nell'area di San Salvario viene effettuato con dispositivi a basso costo (smartphone dotati di app e microfono) che, sebbene abbiano un’accuratezza inferiore a quella di sistemi più sofisticati, consentono di acquisire dati sufficientemente attendibili in un elevato numero di punti. I valori di rumore inoltre sono corredati anche dai dati meteo relativi alla pioggia e al vento acquisiti dalla rete di monitoraggio di Arpa Piemonte perché sono due componenti atmosferiche che possono influire sull’inquinamento acustico.