20 febbraio 2018
Aggiornato 00:00
Il mondo di Bea

E’ morta Bea, la piccola imprigionata nel corpo-armatura: «Beatrice è volata via»

La notizia è stata data poco dopo le 22:00 da Sara, la zia della piccola Bea. La storia della bimba aveva commosso tutta l’Italia

La piccola Bea con la mamma, Stefania Fiorentino (© Facebook)

TORINO - Addio Bea. Pochi minuti fa, la piccola Beatrice Naso, conosciuta in tutta Italia perché prigioniera del proprio «corpo-armatura», è deceduta a causa di un arresto cardiorespiratorio. A darne notizia è stata la zia della piccola, Sara Fiorentino: «Beatrice questa sera è volata via. In questo giorno, dedicato agli innamorati, ha deciso di correre ad abbracciare la sua mamma. Saperle insieme sarà la nostra forza.  Il mondo di Bea resterà in assoluto il miglior posto che io abbia mai potuto visitare, per sempre».

IL MONDO DI BEA - In pochi minuti la notizia ha fatto il giro del web. La storia dei Bea e della sua famiglia aveva commosso tutti quanti per la forza e il coraggio nel vivere una condizione così difficile come la rarissima malattia allo scheletro che aveva colpito la bimba. Solo qualche mese fa, ad agosto, era morta Stefania Fiorentino, la mamma di Bea.  Nell’ultimo periodo le condizioni della piccola si erano aggravate, tanto che da giorni era ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. La zia Sara, che continuava a curare con amore la pagina «Il Mondo di Bea», questa mattina aveva lasciato presagire il peggio. Purtroppo Bea non ce l’ha fatta: ora è libera di raggiungere la mamma, senza essere imprigionata da nessun impedimento.

LA BIMBA DI PIETRA - Sul web, Bea era conosciuta come la «bimba di pietra» perché, di fatto, la piccola era in grado di muovere solo gli occhi. Occhi che hanno sempre espresso una grandissima voglia di vivere. In questi anni diversi specialisti in tutto il mondo avevano studiato il suo caso più unico che raro: nessuno è riuscito a capire il motivo per cui le sue articolazioni si fossero calcificate. Una malattia che ne ha segnato e limitato la vita, ma non ha impedito alla piccola guerriera di mandare un messaggio a tutto il mondo. Un messaggio di coraggio e voglia di vivere più forte di ogni cosa.

LE REAZIONI DEL WEB - Nel 2013, Bea e la sua famiglia avevano incontrato Papa Francesco, in piazza San Pietro. Il pontefice aveva benedetto la piccola. La pagina «Il mondo di Bea» ha immediatamente ricevuto centinaia di messaggi di cordoglio. Anche diversi personaggi famosi hanno ricordato la piccola. Ermal Metal, vincitore di Sanremo, ha postato l'ultima foto "pubblica" di Bea, scattata durante l'ultima sera del festival: «Da oggi la piccola Bea è una stella. E' stato bello conoscerti. Emanavi più vita di molti altri che della vita non si accorgono» ha scritto il cantante.