14 dicembre 2018
Aggiornato 17:30

Traffico da incubo in zona piazza Baldissera: le auto invadono le piste ciclabili

Traffico in tilt in corso Vigevano, letteralmente paralizzato da un «fiume di automobili»: nelle ore di punta il delirio è totale
La situazione in corso Vigevano, nei pressi di piazza Baldissera
La situazione in corso Vigevano, nei pressi di piazza Baldissera (Torino Sostenibile)

TORINO - C’è una zona di Torino letteralmente paralizzata dal traffico. Un traffico ai limiti della follia, che spinge gli automobilisti ad assumere comportamenti pericolosi e privi di logica. E’ la zona di piazza Baldissera e di tutti i corsi e le vie che portano in quella che è già stata soprannominata la «rotonda da incubo».

CICLABILE INVASA - L’ultima segnalazione arriva da Manuela Temalio, nel gruppo Torino Sostenibile: in un corso Vigevano in tilt si forma una coda lunghissima, un vero e proprio fiume di auto. Tra clacson, nervosismo e maleducazione, alcuni automobilisti infrangono le regole e invadono letteralmente la pista ciclabile, piazzando la propria vettura nella zona riservata alle biciclette. Un comportamento decisamente pericoloso, che costringe i ciclisti a fare zig zag tra le auto, sperando di non essere investiti. Una scena che si ripete ogni giorno negli orari di punta. La richiesta dei ciclisti è perentoria: trovare un modo per proteggere la ciclabile, ad esempio con un paletto che impedisca questa situazione.

PROBLEMA PIAZZA BALDISSERA - A congestionare il traffico è la rotonda di piazza Baldissera, un progetto mal digerito dai cittadini e definito «folle» dall’assessore ai Trasporti del Comune di Torino, Maria Lapietra. Un automobilista ha monitorato i tempi di percorrenza alle 08:00 del mattino: 4 minuti e 13 secondi. Un’enormità. Le criticità generate dalla rotonda si ripercuotono su tutte le strade limitrofe: corso Vigevano, corso Principe Oddone, corso Venezia e corso Mortara. I residenti, soffocati dallo smog, sono esasperati. Gli automobilisti rischiano una crisi di nervi. I ciclisti di essere investiti. Non serve essere ingegneri per capire che la viabilità torinese ha un problema enorme: piazza Baldissera.