20 agosto 2018
Aggiornato 18:30

Tagli di migliaia di euro alle Circoscrizioni, l’ira dei presidenti: «Appendino non ci rispetta»

Circa 400.000 euro in meno alle Circoscrizioni: «Possiamo proporre modifiche entro le 16 di domani, oltre al danno la beffa…»
Claudio Cerrato, Marco Novello, Luca Deri e Carlotta Salerno
Claudio Cerrato, Marco Novello, Luca Deri e Carlotta Salerno (Facebook Profile)

TORINO - Continua a far discutere il taglio di fondi di circa 400.000 euro operato dalla Giunta Appendino alle Circoscrizioni della città. Dopo lo sfogo di Claudio Cerrato, presidente della Circoscrizione 4, tutti i presidenti delle Circoscrizioni hanno risposto alla lettera firmata dalla sindaca e dall’assessore al Bilancio, Sergio Rolando, con un comunicato congiunto. A poche ore dal parere favorevole della Corte dei Conti al rigore targato Appendino, l’eterna querelle vede quindi aggiungersi un ulteriore capitolo che sembra segnare in maniera ancora più profondo la distanza tra il Comune e gli enti decentrati.

IL COMUNICATO - Questo il comunicato dei presidenti delle Circoscrizioni.

«Tutte le circoscrizioni cittadine hanno ricevuto oggi, 21 febbraio 2017, una lettera da parte della Sindaca Appendino e dell’assessore al Bilancio Rolando in cui si comunica che in base al piano degli interventi approvato dal Consiglio Comunale il 30 ottobre 2017 è necessario procedere ad una diminuzione dell’8% dello stanziamento 2018. Stanziamento che, secondo le indicazioni della stessa amministrazione centrale, corrispondeva allo stanziamento definito 2017.
Dopo tre lettere inviate alla Sindaca per chiedere la convocazione del Comitato di Coordinamento del Decentramento con lo scopo di confrontarsi sui temi del bilancio, i Presidenti vengono quindi raggiunti da una comunicazione in cui viene operato un taglio arbitrario, su capitoli per molti versi casuali e in cui (oltre al danno la beffa) si offre la possibilità di apportare delle variazioni entro domani alle ore 16.00.
24 ore per lavorare sul bilancio di un anno e per tentare di contrastare gli effetti devastanti che un taglio dell’8% porta alle attività della Circoscrizione.
Di nuovo una lettera, il bilancio come un pallottoliere e nessun confronto politico e istituzionale alla base delle comunicazioni.
La Sindaca non rispetta il ruolo dei Presidenti, delle Giunte e dei Consigli, responsabili di bilanci con storie e identità diverse, i cui tagli portano ad effetti e problemi differenti per ogni territorio.
In questo quadro l’intento della convoca del Comitato di Coordinamento del Decentramento per il 27 febbraio, a posteriori, risulta essere fin provocatorio.  
Troviamo ogni giorno più imbarazzante che chi invoca ad ogni piè sospinto il rispetto istituzionale rifugga completamente dal confronto e dal dialogo e provi a svuotare di contenuto gli organi di rappresentanza territoriale che rappresentano democraticamente i cittadini».
 

LA RISPOSTA DI ROLANDO - Immediata la risposta di Sergio Rolando, che rimanda al mittente le accuse dei presidenti: 

«Sono stupito dalle dichiarazioni dei presidenti di circoscrizione. Come noto il piano di rientro che la Città di Torino ha presentato alla Corte dei Conti richiedeva almeno un risparmio dell’8% della spesa, anziché il 25% come previsto in caso di pre-dissesto. Premesso che questa amministrazione nell’assestato del 2017 non ha attuato alcun taglio agli enti decentrati, nell’ottica del rigore richiesto dalla Corte dei Conti la Città di Torino ha comunicato alle circoscrizione di applicare la riduzione dell’8% non alle spese essenziali ma a quelle discrezionali come appunto previsto dal piano di rientro. Pertanto è da irresponsabili non rispettare le indicazioni della Corte dei Conti. E’ altresì paradossale e privo di ogni buon senso chiedere addirittura un aumento della spesa».

Il documento ricevuto da Claudio Cerrato, presidente della Circoscrizione 4

Il documento ricevuto da Claudio Cerrato, presidente della Circoscrizione 4 (© Claudio Cerrato)

Il documento ricevuto da Claudio Cerrato, presidente della Circoscrizione 4

Il documento ricevuto da Claudio Cerrato, presidente della Circoscrizione 4 (© Claudio Cerrato)