20 agosto 2018
Aggiornato 00:30

Pietre e bombe contro la polizia, il bilancio degli scontri: 4 agenti feriti

Nelle protezioni degli agenti trovate schegge di metallo e di legno. Devastato il cantiere del ponte a raso tra corso Matteotti e via Cavalli
Un manifestante lancia un oggetto contro la polizia
Un manifestante lancia un oggetto contro la polizia (ANSA)

TORINO - La folle notte torinese è alle spalle. Ieri sera, come vi abbiamo raccontato, il centro cittadino è stato letteralmente il teatro di violenti scontri avvenuti tra i manifestanti antifascisti, in protesta per impedire il comizio di CasaPound, e le forze dell’ordine. Il bilancio finale degli scontri è di 4 agenti feriti. I poliziotti sono stati bersagliati con pietre, oggetti contundenti recuperati per strada, bombe carta e fuochi pirotecnici. Uno dei poliziotti è stato ferito a una gamba da una scheggia di oltre 4 centimetri: diverse le schegge metalliche rinvenute conficcate nelle protezioni indossate dal personale della polizia di stato impegnato nei servizi.

GLI SCONTRI - Nel corso della manifestazione di protesta, perdurata per ore nel tentativo di impedire lo svolgimento di un comizio del movimento politico Casapound in una struttura alberghiera cittadina, sono stati messi in atto diversi tentativi di sfondamento degli sbarramenti predisposti. Gli attacchi, verificatisi in diverse vie prossime al luogo della manifestazione del sopracitato movimento politico sono stati contenuti e respinti grazie all’uso dell’idrante della Polizia di Stato e al pronto intervento dei reparti impegnati che hanno allontanato dai luoghi i manifestanti tenendoli costantemente sotto controllo fino allo scioglimento della manifestazione. Gli scontri più violenti si sono verificati «sotto» il grattacielo Intesa Sanpaolo, su corso Vittorio. I manifestanti sono stati deviati verso piazza Statuto e hanno proseguito il loro cammino fino a piazza Castello prima e piazza Santa Giulia poi. Danni al cantiere di via Cavalli, dove è in costruzione un ponte a raso per il collegamento con corso Matteotti: gli anarchici sono entrati nel cantiere e hanno preso pietre e materiale contundente.