10 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Renzi a Torino: «I Cinquestelle si sciacquino la bocca prima di parlare del PD»

Tanti i temi affronti dal leader del PD, Matteo Renzi, sul palco del Lingotto domenica 25 febbraio: dalle Olimpiadi agli scontri tra agenti di polizia e antagonisti
Matteo Renzi a Torino
Matteo Renzi a Torino (ANSA)

TORINO - Tanti i temi affronti dal leader del PD, Matteo Renzi, sul palco del Lingotto domenica 25 febbraio, in occasione della convention organizzata dal presidente del Consiglio Regionale del Piemonte e candidato al Senato, Mauro Laus. A partire dagli scontri tra agenti di polizia e gli antagonisti in protesta contro l'incontro di CasaPound: «Chi picchia un carabiniere o un poliziotto non è uno di sinistra ma è un criminale e merita di andare dentro e pagare fino all'ultimo giorno». Per passare poi alla questione dei revisori dei conti a Torino: «I Cinquestelle devono sciacquarsi la bocca prima di parlare di noi. Con noi alla guida delle città i revisori dei conti non si facevano dimettere, ma controllavano i conti». 

RENZI - Renzi ha inoltre lodato la lunga opera dei sindaci PD a Torino, soffermandosi in particolare su Sergio Chiamparino, considerato «un modello amministrativo» Si è parlato anche di Olimpiadi e il segretario del Partito Democratico ha espresso il suo appoggio in merito a una potenziale candidatura di Torino per il 2026: «Bisogna fare gli interessi di Torino e dei torinesi e non solo polemica ideologica» ha detto Renzi, ricordando l«occasione mancata' delle Olmpiadi romane. 

PD - Infiammatio anche gli  interventi del padrone di casa, Mauro Laus, che ha parlato dell'Italia come di un 'paziente' in via di miglioramento grazie al governo Gentiloni. Hanno preso la parola anche il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, che non ha mancato di ricordare l'impagno profuso per salvare i posti dei 500 lavoratori dell'Embraco, e i segretari regionali e provinciali dem Davide Gariglio e Mimmo Carretta.

Convantion del PD domenica 25 febbraio

Convantion del PD domenica 25 febbraio (© Piero Chiariglione )