19 giugno 2019
Aggiornato 13:00
Via Germagnano

Via Germagnano, roghi dolosi al campo rom filmati dai carabinieri: un arresto

Nel video si vede un uomo dare fuoco a un cumulo di rifiuti speciali: il 54enne, residente nel campo nomadi irregolare, è stato arrestato

TORINO - Ancora roghi, ancora fumi tossici provenienti dal campo nomadi di via Germagnano. Questa volta però, l’epilogo è diverso: dopo un’attenta osservazione, i carabinieri sono riusciti a individuare e arrestare un uomo intento a dare a fuoco un cumulo di rifiuti speciali. Si tratta di un 54enne romeno, abitante nel campo nomadi irregolare lato Amiat.

ARRESTO - L’uomo è stato arrestato negli scorsi giorni: i carabinieri della Compagnia Oltre Dora hanno effettuato una serie di servizi di osservazione che hanno permesso di filmare e fermare uno dei responsabili degli incendi che non fanno respirare una parte della città di Torino. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di combustione illecita di rifiuti (Art.256 Bis D.lgs. 3 aprile 2006, n.152 «Codice dell’Ambiente». Sul tema è intervenuto il ministro dell’Interno Marco Minniti: «Ha particolare importanza il tema dei roghi tossici, che riguarda principalmente Roma, Napoli e in parte Torino. Abbiamo messo in campo iniziative importanti. È mia intenzione mettere in campo misure di carattere straordinario di controllo del territorio d'intesa con i Comuni interessati». Che telecamere e servizi di osservazione siano la soluzione per risolvere il problema dei roghi?