Politica | Dalla Giunta

Taglio dei premi per i dirigenti del Comune, la misura di Appedino (condivisa) per abbattere la spesa

La misura è una scelta condivisa con i diretti interessati, i quali, ben consci delle difficoltà dei bilanci, dal momento che ci devono fare i conti letteralmente ogni giorno, hanno accettato l’iniziativa

La sindaca Chiara Appendino
La sindaca Chiara Appendino ()

TORINO - Appena passate le elezioni, con i conteggi finiti da qualche ora, la sindaca di Torino Chiara Appendino mette a segno una sforbiciata che permette di abbattere la spesa. La Giunta comunale, in accordo con i sindacati, ha applicato un taglio del 15% ai premi di risultato di tutti i dirigenti del Comune di Torino. Una misura necessaria per coniugare l’esigenza di risanare i conti dell’ente, tenendo conto delle indicazioni espresse dalla Corte dei Conti nel piano di interventi, con la necessità di garantire un’adeguata offerta di servizi a cittadini europei e imprese e di contribuire allo sviluppo economico del territorio.

I DIRETTI INTERESSATI - La misura è una scelta condivisa con i diretti interessati, i quali, ben consci delle difficoltà dei bilanci, dal momento che ci devono fare i conti letteralmente ogni giorno, hanno accettato l’iniziativa, aggiungendo un ulteriore contributo all’intenso lavoro che già svolgono per la Città. «Ci tenevo a sottolineare questo punto poiché si tratta a un tempo di un ulteriore risparmio per le casse dell’Ente che potrà andare a beneficio di altri capitoli di spesa, e di un gesto da parte di dipendenti del Comune che come cittadina e come Sindaca apprezzo molto», ha dichiarato Chiara Appendino che ha aggiunto, «per questo e per il loro impegno, a tutte e tutti loro va il ringraziamento mio e della Città».