20 settembre 2018
Aggiornato 09:30

Eventi a Torino, gli appuntamenti da non perdere il 17 e il 18 marzo

Dai concerti, al teatro, alla danza fino agli appuntamenti con lo sport. Ecco cosa vi attende in città per questo ricco weekend e come fare per non perdere gli appuntamenti migliori
Torino, gli appuntamenti da non perdere il 17 e il 18 marzo
Torino, gli appuntamenti da non perdere il 17 e il 18 marzo (ANSA)

TORINO – Dallo spettacolo, alla cultura, allo sport. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire gli eventi più interessanti del fine settimana torinese

Musica alle Ogr
Sabato 17 marzo, alle 21, le Ogr di Torino ospiteranno l’intellettuale del rock Arto Lindsay – principale esponente della No wave di New York con i «Dna» – che suonerà dal vivo nel suggestivo spazio post industriale, recuperato dalla Fondazione Crt, nell’ambito di Avantgarde Portrait, la nuova rassegna pensata per esplorare le avanguardie musicali novecentesche e la loro relazione con il territorio urbano in diverse città del mondo. Ad aggiungere unicità all’evento, sarà il live painting a cura dell’artista Daniele Galliano che, nell’arco esatto dei concerti, realizzerà un ritratto dei protagonisti. Magistrale fusione delle burrasche elettriche di New York con i ritmi candomblé, la trance e il languore della musica afro-brasiliana, la musica di Arto Lindsay ha sempre spiazzato tutti. La sua è una carriera votata alla contraddizione tra rumore astratto e vocazione melodica, tatto e tumulto, buone maniere e chitarra smarmittata. Alle Ogr l’artista presenta un atto unico intitolato a quegli eufemismi da cui si è sempre tenuto lontano. Con lui ci saranno due ospiti molto speciali: il sound-designer Stefan Brunner e Ikue Mori, batterista e compositrice, sua compagna di avventure nei «Dna», gruppo seminale della No Wave newyorchese degli anni Settanta.

Musica dall'Inghilterra
La band rivelazione dell’ultimo decennio, gli «Arcane Roots», torna in Italia nel 2018. Dopo il successo dello show tenutosi lo scorso settembre a Milano, la band tornerà nel Bel paese il prossimo 18 marzo per un’unica data presso lo Spazio 211 di Torino. Gli «Arcane Roots» sono il terzetto rock inglese formato da Andrew Groves(voce e chitarra), Adam Burton (basso) e Jack Wrench (batteria). Nati nel 2009 a Londra, la band debutta nel 2011 con il mini-album Left Fire, per poi presentare al pubblico nel 2013 il primo vero lavoro in studio dal titolo Blood & Chemistry. Lo stile degli Arcane Roots è duale per i suoi rimandi al progressive rock classico, insieme ad elementi alternativi ed innovativi. La band rievoca il passato costruendo allo stesso tempo le basi per il futuro musicale anglosassone ed europeo.

Ultimo a Torino
Sabato 17 marzo dalle 17, «Ultimo» - vincitore del Festival di Sanremo 2018 nella categoria Nuove Proposte - incontrerà i fan per firmare le copie del suo ultimo lavoro «Peter Pan». Giudicato dalla critica uno dei cantautori più interessanti del momento «Ultimo», al secolo Niccolò Moriconi, appena ventiduenne, è già al suo secondo album e nella  musica trova il suo rifugio dalla quotidianità, dove poter liberare l’immaginazione, raccontare di se, dei suoi sentimenti e  delle sue insicurezze adolescenziali. Come un moderno Peter Pan ci prende per mano e ci chiede di seguirlo nel suo mondo che è anche fatto di ballate introspettive e malinconiche come Il ballo delle incertezze, il suo successo a Sanremo 2018. Peter Pan è un album che risalta le fragilità dell’uomo unendo canzone italiana e hip hop a una scrittura personale e che è capace di spaziare tra moderne e contemporanee fattezze rap e liriche ricercate. E’ un cantato profondo, intimo e al tempo stesso scanzonato, in cui l’artista - autore di tutte le musiche e di tutti i testi – racconta se stesso alternando un linguaggio più maturo e adulto a uno più giovane e diretto.Per partecipare al firma copie ed essere fotografato con gli artisti, occorrerà acquistare il Cd «Peter Pan» in uno dei punti vendita del Centro autorizzati (Mediaworld, Feltrinelli o Pam) e ritirare nella stessa giornata dell'evento il pass dedicato (per un massimo di 1600 pass). All'evento sarà presente un fotografo ufficiale. L'utilizzo di un proprio dispositivo fotografico sarà a discrezione dello staff organizzativo dell’artista.

Daniele Groff live
Le sonorità e la profonda competenza musicale di Daniele Groff arrivano a Torino per un appuntamento dedicato alla musica e alla narrazione. Groff sarà infatti l’ospite della rassegna Gli unplugged dell’ARTeficIO sabato 17 marzo alle 21, in via Bligny 18/L, il salotto musicale ideato da Soluzioni Artistiche, l’associazione torinese che promuove lo sviluppo e la produzione di musica, teatro, editoria e arti visive. Dopo gli appuntamenti con Marco Schnabl, Pier Cortese e Murubutu, l’unplugged di sabato propone al pubblico un dialogo intervista, in cui Daniele Groff racconterà la sua ampia e trasversale esperienza nel mondo della musica e si esibirà in uno showcase in solo acustico. Il cantante trentino condividerà con il pubblico la sua personale ricerca, ripercorrendo il viaggio compiuto all’età di diciannove anni nel Regno Unito con la sua moto, dove ha perfezionato la conoscenza della musica popolare inglese traendone ispirazione per i quattro album solisti e le importanti collaborazioni. Il cantante pop dal background classico farà rivivere le atmosfere degli anni Novanta e dei decenni successivi attraverso la sua ricca esperienza di cantante, compositore, pianista e polistrumentista, in un scambio con il pubblico e gli amici artisti che saranno con lui all’ARTeficIO. La serata comincerà alle 19.30 con l’aperitivo e, a seguire, il live di benvenuto di Alberto Al-b Corrado e il suo gruppo Al.B Drum&V, in apertura della serata. Alle 21 l’inizio del talk con Daniele Groff.

Novità discografiche
Domenica 18 marzo, alla Feltrinelli Express di Porta Nuova, a due anni di distanza dal loro ultimo lavoro in studio, «Cultura generale», il power trio milanese «Ministri» presenta dal vivo il nuovo album di inediti «Fidatevi», il 18 marzo alla Feltrinelli di Torino Porta Nuova. Sarà sufficiente acquistare il cd e ritirare il pass per avere accesso prioritario al firmacopie.

Danza
A Bellarte, sabato 17 marzo, alle 21, in scena «CromosHomo». Spettacolo di danza contemporanea, hip hop e House dance, «CromosHomo» è un viaggio intorno all’uomo contemporaneo, spesso vittima e al tempo stesso artefice inconsapevole di un sistema che tende all’uniformità e alla serialità, in cui l’individualità è più spesso esibita superficialmente che costruita realmente. Gli stereotipi che permeano la nostra società possono imprigionarci e farci smarrire il nostro io autentico, o costituiscono talvolta un riparo dall’incertezza determinata dalla difficile ricerca di sé? È nello spazio aperto da queste domande che si inserisce il movimento che, per sua natura, rigetta staticità e posizioni definitorie. Al mondo che ti vuole uno, bisogna continuare a mostrare la propria multidimensionalità, bisogna continuare a muoversi, bisogna continuare a esistere.

Spettacolo
Sabato 17 marzo, alla Lavanderia a Vapore di Collegno, alle 21, «Choròs» è una creazione coreografica nata per il Corso L. Visconti della scuola L. Ronconi del Piccolo Teatro di Milano, grazie alla sensibilità del direttore Carmelo Rifici. La suggestione di partenza è stata quella di lavorare sul senso dei cori della tragedia greca indagandone il valore attraverso un linguaggio di solo movimento. In seguito «Choròs» è diventato un’esperienza professionale all’interno di una compagnia di teatro danza. Un gruppo di 16 giovani attori e attrici si presenta al mondo, sia come professionisti e artisti contemporanei (della parola e anche del movimento), sia come uomini e donne del presente. Donne e uomini camminano, scelgono un posto e poi un altro. A volte s’incontrano altre si scontrano e così diventano un corpo unico, una massa, un insieme d’individualità, una collettività, uno stormo, un branco. Azioni, gesti, camminate, corse, ovvero semplice movimento. Come un’antica e istintiva cerimonia si susseguono frammenti d’immagini, atmosfere, schegge di un vivere collettivo. Una comunità, qualunque essa sia, dove ognuno cerca la propria individualità. Una ricerca verso «un senso del NOI», in una società sempre più concentrata verso «il senso dell’IO». Un passato prima rituale, poi mitologico e infine tragico. Corpi che diventano coro, in altre parole: testimoni di accadimenti che nel «Choròs», il luogo scenico dove si danza, viaggiano e dicono con il corpo. Sono schiavi, vecchi, guerrieri, reduci, cittadini, madri, vedove, o semplicemente giovani che ascoltano, guardano e reagiscono, quasi istintivamente, a un incontro.

Acrobazie
Domenica 18 marzo alle 19 David & Tomas di Lapso Cirko portano in scena al Café Müller di Fondazione Cirko Vertigo una nuova tappa della ricerca artistica di «OVVIO», la cui creazione, nata da un’idea originale dei due artisti, è cominciata a inizio 2017 e nel tempo si è arricchita di nuovi sviluppi, grazie al circuito di residenze internazionali che ha permesso la sua espansione. In «OVVIO», David & Tomas sfidano le leggi di gravità e le loro abilità, esplorando i propri limiti in modo reciproco e sempre diverso. Con un peso e una presenza che cambia a seconda del gioco che prende vita in scena, insieme mettono alla prova forza, concentrazione, coraggio e fiducia. Le abilità in comune creano un ponte di comunicazione fisico e relazionale tra loro e ogni costruzione di legno diventa un nuovo livello di difficoltà da superare insieme. Il rischio è accettato come semplice parte delle regole del gioco, entrambi si assumono la possibilità di una possibile caduta, ma è anche evidente che sappiano come gestire il corpo e come cadere. Il fiato è sospeso insieme a loro. Il pubblico è partecipe della tensione che si genera dal gioco, ma è anche piacevolmente colpito dall’immagine estetica che ogni volta l’equilibrio crea e sostiene. A ogni azione corrisponde una reazione: le assi, le travi, le costruzioni di legno si creano e distruggono per immagini. La paura è vinta a favore della realizzazione del pericolo, perché ogni atto di equilibrio è instabile per definizione. Per questo «OVVIO» è anche un esercizio estetico sulle leggi della fisica gravitazionale e genera improbabilità ogni volta, come un tiro di dadi. «OVVIO», accade.

Storia
Anche quest’anno in occasione della Giornata dell'Unità nazionale, della Costituzione, dell'inno e della bandiera sabato 17 e domenica 18 marzo dalle 10 alle 19 il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano riaprirà alla visita del pubblico la Camera dei deputati del Parlamento Subalpino. Un evento eccezionale per permettere ai visitatori di entrare nel cuore della storia d’Italia e cogliere le radici delle dinamiche che regolano la nostra identità di oggi. L’appuntamento di quest’anno si arricchisce di due importanti iniziative. Per i due giorni di apertura della Camera, i visitatori potranno infatti sperimentare anche una visita virtuale dell'Aula del Parlamento Subalpino attraverso l'utilizzo di occhiali VR. Si tratta di un progetto di Tim, nell'ambito delle attività di sperimentazione della rete 5G, che permette di applicare la capacità della virtual reality alla comunicazione in tempo reale fra persone in modalità totalmente immersiva. Inoltre sabato 17 marzo alle 16, nell’ambito del progetto «Il Cavour nei luoghi di Cavour», il coro e l’orchestra di fiati degli allievi del Liceo Musicale Cavour di Torino eseguiranno la versione integrale de «Il Canto degli Italiani» in omaggio al riconoscimento appena avvenuto dell’inno di Mameli quale inno nazionale. L’esecuzione avverrà nell’Aula della Camera del Parlamento Italiano, un altro dei luoghi estremamente significativi che fanno parte del percorso del Museo Nazionale del Risorgimento.

Gusto
Sabato 17 e domenica 18 marzo presso l'Hotel Principi di Piemonte i migliori pasticceri d’Italia presentano a Torino i dolci pasquali artigianali. Dopo il debutto dello scorso anno, torna rinnovata «Una Mole di colombe e cioccolato», la manifestazione di primavera che celebra i dolci pasquali con le specialità di tutta Italia. L’appuntamento si inserisce nella collaudata serie di iniziative organizzata da Dettagli Eventi, che, con il format «Una Mole di ...» ha elevato Torino a capitale della pasticceria artigianale. Dopo i panettoni a Natale, è quindi la volta delle uova di cioccolato e delle colombe realizzate dai maestri pasticceri che presenteranno le loro creazioni dalle ore 11 alle 20. La manifestazione, come sempre, è a ingresso libero: si potranno conoscere e degustare le specialità di ogni parte d’Italia, acquistarle ad un prezzo speciale in un’occasione davvero unica, dove le novità in fatto di lievitati si alterneranno ai tradizionali sapori dolci. Come il panettone, anche le colombe sanno stupire il consumatore grazie ai gusti che richiamano i territori di origine dei maestri pasticceri; per questo stanno conquistando un posto di primo piano nel panorama dolciario nazionale e attenzioni nuove da parte del pubblico. La storia del cioccolato è profondamente legata a quella di Torino e l’appuntamento dedica uno spazio importante al cioccolato fondente, al latte o bianco: non solo uova con le attese sorprese per i più piccoli, ma anche altre specialità e forme, in un trionfo di golosità. Per chi vuole conoscere i segreti della pasticceria direttamente dai maestri presenti a «Una Mole di colombe e cioccolato», tornano gli incontri curati dal critico gastronomico Alessandro Felis: nella sala dedicata, al piano terra del Principi di Piemonte, sarà possibile partecipare gratuitamente agli appuntamenti che, in una sorta di viaggio per l’Italia, faranno raccontare e degustare le prelibatezze in vendita alla manifestazione.

Sport
Il 18 marzo torna «Santander, La Mezza di Torino – Corri per la Ricerca e la Solidarietà», la quarta edizione della mezza maratona internazionale più partecipata del Piemonte. Dopo 3 anni il percorso, sempre a giro unico, sarà completamente rinnovato, con nuovi partenza e arrivo al Parco del Valentino, il più amato dai torinesi e dai turisti di tutto il mondo che visitano il capoluogo sabaudo, mantenendo i passaggi mozzafiato attraverso il cuore aulico di una città capace di stupire per fascino, capolavori architettonici e verdissimi parchi, per vivere una giornata di grandissimo sport. Inoltre, per i runner amanti delle distanze più brevi e per chi ancora non si sente pronto per correre 21Km,  c'è Santander, La dici di Torino gara competitiva e non competitiva di 10 Km per tutti, con partenza in contemporanea alla mezza maratona. Il programma del grande weekend di sport e solidarietà si completa sabato 17 marzo con la Kidsrun di Torino, la corsa per i bambini da 0 a 10, che lo scorso anno ha visto alla partenza più di 1500 runner del futuro e, novità 2018, il Duathlon di Torino, la prima gara a doppia disciplina (duathlon sprint: 5Km di corsa, 20km di bici e 2,5 di corsa) organizzata da Base Running.

Mercatini
Domenica 18 marzo torna il Vintage della Gran Madre, mercatino di abiti e oggettistica retrò. A cura dell'associazione Extravaganza. Attivo dal 2001, il Mercatino propone oggetti di vissuto. L’ubicazione ai margini del centro storico, ma appartata come si conviene alla sobrietà senza clamore. L’area preposta – solitamente adibita a parcheggio ospita una cinquantina di espositori. Si ritiene che alla Gran Madre si sia creato un processo virtuoso di identificazione e di relazione sociale vera e propria tra la clientela, gli operatori e la cornice (commercianti, popolazione residente, l’architettura, il paesaggio) molto importanti per la soddisfazione di bisogni attuali quali ad esempio la certezza che aspira a diventare tradizione per il patrimonio cliente-visitatore e il recupero (caratteristica propria del Vintage) del «buon tempo antico» riconosciuta anche dalle nuove generazioni: una semplice bella abitudine ricorrente di contatti umani quasi «letterari», fuori dal frastuono della vita di tutti i giorni, eppur inserita pienamente nel suo contesto.

Figurine e dintorni
Sabato 17 e domenica 18 marzo in piazza Vittorio Veneto, decine di migliaia di piccoli e grandi collezionisti potranno incontrarsi nel coloratissimo villaggio Panini per scambiare le proprie doppie e per partecipare alle Figuriniadi, misurandosi con giochi a premio come il Figu Record, il Figu Quizzone e il Figu Caveau. In palio, l’Almanacco Illustrato del Calcio 2018, zainetti, portachiavi e tante bustine di figurine. Inoltre, coloro che avranno completato interamente l’album potranno accedere all’area esclusiva del Panini Box, dove riceveranno uno straordinario kit di regali e il prestigioso timbro ufficiale Album Completato. Per facilitare la partecipazione, i collezionisti potranno pre-registrarsi online sul sito www.paninitourup.it.

Per i più piccoli
Al Teatro Regio, sabato 17 marzo, alle 16, in scena «Ciottolino». La fiaba in musica, piccolo gioiello composto nel 1922 nella grande tradizione del melodramma italiano, è caratterizzata dalla sua piacevolezza melodica e dalla varietà e spontaneità dei ritmi. Ciottolino è un bambino come tanti, allegro e vivace, il quale, per sfuggire alle regole della vita quotidiana, che gli stanno un po' strette, sogna di diventare Re del Paese delle Fate. Ma a volte anche il mondo della fantasia riserva qualche sorpresa. Direttore: Claudio Fenoglio.