18 settembre 2018
Aggiornato 16:00

Il Museo Egizio festeggia i papÓ: visita guidata speciale il 19 marzo

In occasione della festa del papÓ, il Museo Egizio ha pensato di organizzare una speciale iniziativa: tutte le informazioni
Il museo egizio di Torino celebra la festa del papÓ
Il museo egizio di Torino celebra la festa del papÓ ()

TORINO - Il Museo Egizio festeggia i papà. Lunedì 19 marzo, in occasione della ricorrenza che celebra la festa della figura paterna, il museo ha organizzato una visita guidata speciale: «La mia famiglia egizia: speciale papà!». L’appuntamento è fissato in via Accademia delle Scienze 6, alle ore 10:10. L’auspicio è che tanti bambini e genitori possano partecipare a questo evento davvero particolare.

LA FESTA DEL PAPA’ - Grazie all’analisi dei preziosi reperti custodi nelle sale del Museo e agli aneddoti citati dalla guida, grandi e piccini potranno scoprire alcune delle caratteristiche della vita famigliare quotidiana in epoca faraonica, concentrandosi per l’occasione sulla figura del papà. A seguire, durante il laboratorio, i ragazzi potranno ricostruire, con l’aiuto dei genitori, il proprio albero genealogico, rigorosamente in scrittura geroglifica! Per concludere una sfida al gioco del Senet, l’antico passatempo dei faraoni giunto fino a noi.

IL WEEKEND DEI GEROGLIFICI - Un’altra iniziativa riguarda invece i geroglifici e viene organizzata questo weekeend: sabato 17 e domenica 18 marzo. Alle ore 10:10, il museo Egizio propone ai bambini dai 6 agli 11 anni accompagnati dai genitori, l’opportunità di intraprendere un viaggio alla scoperta dell’affascinante scrittura dei faraoni: i geroglifici. La visita offrirà ai piccoli visitatori la possibilità di conoscere in prima persona il profondo sapere faraonico celato nelle misteriose iscrizioni. I visitatori potranno osservare i reperti egizi alla ricerca di nomi e formule legate alle superstizioni e ai desideri degli antichi egizi. Un percorso avvincente, capace di dare vita ai messaggi trasmessi da alcuni dei protagonisti della civiltà nilotica, che punta l’attenzione sul fascino della scrittura geroglifica, un’arte rivelata a pochi eletti grazie ad un lungo e complicato insegnamento.