Cronaca | Tentato Omicidio

Sant’Ambrogio, lite a La Sacra Birra: 27enne tenta di uccidere un coetaneo accoltellandolo

I carabinieri hanno arrestato un marocchino residente a Sant’Ambrogio: la lite è avvenuta nel parcheggio del locale nel bel mezzo della notte

I carabinieri sul luogo del tentato omicidio
I carabinieri sul luogo del tentato omicidio (ANSA)

SANT’AMBROGIO DI TORINO - Follia a La Sacra Birra, storico locale di Sant’Ambrogio di Torino: un ragazzo di 27 anni è stato accoltellato all’addome da un coetaneo dopo una lite. Il giovane, Nicola G., un operaio di Sangano, è stato portato d’urgenza alla Molinette di Torino in gravi condizioni. L’aggressore, un cittadino marocchino, è stato rintracciato dai carabinieri presso la propria abitazione, fermato e condotto in carcere per tentato omicidio.

LA RICOSTRUZIONE - Stando a una prima ricostruzione, il cittadino marocchino si sarebbe scagliato contro la vittima dell’aggressione brandendo un coccio di bottiglia rotto. Il 27enne ha riportato una profonda ferita lacero contusa all’addome e si è accasciato a terra, una ferita che ha interessato anche il polmone sinistro. L’aggressore è stato rintracciato grazie alle telecamere di videosorveglianza de La Sacra Birra. Nicola, operato dal dottor Luigi Filosso della chirurgia toraco-polmonare del professor Alberto Oliaro, rimane in prognosi riservata ma non è in pericolo di vita.