21 novembre 2018
Aggiornato 04:00

Dopo i vandali e le polemiche per l’ex Suk, l’arcivescovo e l’assessore tra gli ambulanti

L’arcivescovo Cesare Nosiglia ha richiesto espressamente il sopralluogo, anche alla luce degli ultimi atti vandalici alla piscina Colletta
Cesare Nosiglia e Alberto Unia
Cesare Nosiglia e Alberto Unia (Diario di Torino)

TORINO - Questa mattina l’assessore all’Ambiente Alberto Unia ha accompagnato l’arcivescovo Cesare Nosiglia in sopralluogo al mercato di libero scambio Barattolo. «Mi voglio rendere conto di persona della situazione», ha detto Nosiglia che ha espressamente richiesto la visita a Canale Molassi e San Pietro in Vincoli all’amministrazione. Il sopralluogo, a detta del Comune, è andato bene, non ci sono stati problemi. L’arcivescovo non ha invece ancora rilasciato dichiarazioni.

POLEMICHE A NON FINIRE - Di Barattolo (e del Suk prima) non si è mai smesso di parlare negli ultimi anni. Solo una settimana fa i vandali avevano preso di mira la piscina Colletta, spaccando i vetri di ingresso e buttando nella piscina le sdraio, le panche e gli armadietti. Una situazione definita insostenibile dal presidente della Circoscrizione Luca Deri: «È il terzo atto di vandalismo da inizio anno sempre di domenica quando c'è Barattolo. Prima di avere Barattolo non era mai successo nulla».