19 settembre 2018
Aggiornato 01:00

Risse, incendi e «alberi di rifiuti»: situazione fuori controllo al Suk

I residenti esasperati immortalano risse, sporcizia abbandonata e merce invenduta lasciata sugli alberi: una situazione inaccettabile
Le immagini del degrado
Le immagini del degrado (Facebook)

TORINO - Risse notturno per una piazzola, sporcizia, incendi e addirittura alberi con merce invenduta al posto delle foglie. Sembra assurdo, eppure è quanto accade ogni fine settimana in zona Aurora, dove centinaia di ambulanti danno vita al mercato di libero scambio. Monta la rabbia tra i torinesi che vivono nei pressi dell’ex cimitero di San Pietro in Vincoli. 

UN WEEKEND TERRIBILE - Nonostante mesi di proteste, è ormai palese che la situazione sia sfuggita al controllo delle istituzioni. La cronologia degli eventi nel weekend pasquale è terrificante: venerdì notte una rissa tra ambulanti che si apprestavano a piazzarsi per il suk del sabato, il giorno dopo rifiuti abbandonati ovunque e dati alla fiamme. L’epilogo? «Sukacchio», che non è un insulto ma l’alter ego torinese di «Spelacchio»: parliamo di un albero senza foglie, con la merce invenduta e l’immondizia abbandonate sui rami.  Uno spettacolo deprimente. I cittadini non ne possono più e chiedono a gran voce un intervento deciso dell’amministrazione volto a riportare la legalità e il decoro in un zona ormai abbandonata al proprio destino.

Sporcizia abbandonata in strada

Sporcizia abbandonata in strada (© Facebook)