19 novembre 2018
Aggiornato 10:00

Niente stipendio per il lavoratori della Fondazione del Libro, intanto il Salone è alle porte

«Se entro e non oltre il 15 aprile non si dovessero realizzare le condizioni di un accordo sindacale volto alle garanzie occupazionali e alla puntuale corresponsione degli stipendi»
Salone del Libro di Torino
Salone del Libro di Torino (ANSA)

TORINO - I dipendenti della Fondazione per il Libro sono senza stipendio, ma «riconoscono al liquidatore il massimo impegno per individuare una soluzione nei tempi più brevi e confermano la totale disponibilità a lavorare per la migliore realizzazione del 31/esimo Salone del Libro» Ad affermarlo è la Filcams Cgil, ricordando i gravi problemi che la mancata corresponsione degli stipendi comporta per i lavoratori e le loro famiglie.
 

STIPENDIO - I dipendenti della Fondazione prendono atto delle dichiarazioni in più circostanze rilasciate dagli esponenti delle istituzioni, che rassicurano sulla volontà di garantire un adeguato futuro occupazionale a tutte le risorse attualmente alle dipendenze della formazione. «Se entro e non oltre il 15 aprile non si dovessero realizzare le condizioni di un accordo sindacale volto alle garanzie occupazionali e alla puntuale corresponsione degli stipendi», avverte Luca Sanna della Filcams Cgil, «ci riserviamo di utilizzare tutti gli strumenti legali e contrattuali a disposizione».