Cronaca | Barattolo

Rebus Barattolo: dopo Mirafiori Sud, spunta l'ipotesi dell'ex suk al Parco Dora

Arriverebbe da alcuni comitati cittadini la proposta di utilizzare la tettoia del Parco Dora per ospitare le bancarelle del mercato di libero scambio.

Mercato di libero scambio
Mercato di libero scambio (Miriam Carraretto)

TORINO - Come di consueto anche oggi, domenica 8 aprile, il mercato di libero scambio ha preso vita in via Carcano. Medesime le polemiche e le criticità segnalate più volte dagli abitanti di zona, analoghe, sotto tanti aspetti, a quelle che accompagnano il mercato del sabato tra San Pietro in Vincoli e canale Molassi.  A cambiare invece di giorno in giorno sembra essere la prossima destinazione designata dall'amministrazione cittadina per l'ex suk del sabato. Nelle scorse settimana si era fatta largo la possibilità di un Barattolo presso l'area TNE (ex parcheggio abbandonato di Torino Nuova Economia) di Mirafiori Sud. A darne l'annuncio era stato lo stesso assessore Marco Giusta, durante un'assemblea pubblica svoltasi presso il Cortile del Maglio. Tuttavia, la ferrea opposizione dei residenti sembra, per ora, aver bloccato il progetto. Nelle ultime ore poi sembrerebbe farsi largo una nuova proposta di ricollocazione.

PARCO DORA - Arriverebbe da alcuni comitati cittadini la proposta di utilizzare la tettoia del Parco Dora per ospitare le bancarelle del mercato di libero scambio. Tra gli indubbi vantaggi dell'area ci sarebbe la presenza di un ampio spazio per il parcheggio, il buon collegamento tramite mezzi pubblici e la maggiore vicinanza a Porta Palazzo, rispetto all'area individuata a Mirafiori. Non mancherebbero comunque gli svantaggi, che sicuramente non passerranno inosservati qualora la proposta dovesse acquistare maggiore concretezza. La data prevista per il trasloco del mercato, secondo quanto detto in passato dall'assessore Giusta, sarebbe dovuta essere il 21 marzo. Siamo ad aprile e regna ancora grande incertezza sul prossimo futuro di Barattolo.

MIRAFIORI - Il percorso appare ancora lungo, ma i residenti e commercianti di Mirafiori sembra che non vogliano farsi cogliere impreparati. E' nato in poco tempo il comitato spontaneo  ' No suk a Mirafiori'  che ha avviato una raccolta firme al fine di chiedere la chiusara definitiva del mercaro di libero scambio o, quanto meno, di non spostarlo a Mirafiori. Una posizione più che mai chiara che sta attraendo intorno a sé un buon numero di seguaci. Non resta che vedere se anche gli abitanti della travagliata Spina 3 di Torino si comporteranno allo stesso modo. Intanto il presidente delle Circoscrizione IV, Claudio Cerrato, fa sapere che «la Circoscrizione IV insieme alla V ha proposto un metodo condiviso di utilizzo e qualificazione del parco Dora aperto alla partecipazione delle realtà associative e dei singoli cittadini». In merito poi alla possibilità di vedere spostato in quest'area il mercato di libero scambio aggiunge: «Una simile decisione é contraria a qualsiasi percorso di condivisione e valorizzazione di un'area con problematiche di degrado importanti».