20 ottobre 2018
Aggiornato 18:30

Servizi pubblici e attività sociali in via Chambery dove si riuniva la criminalità organizzata

Il fabbricato di via Chambery 91 è stato confiscato alla criminalità organizzata quattro anni fa. Il Comune di Torino ne diventa proprietario e ne cambia destinazione d’uso
Via Chambery
Via Chambery (Google Street View)

TORINO - Questa mattina su proposta dell’assessore al Patrimonio, Sergio Rolando, la Giunta comunale ha approvato una delibera che definisce l’acquisizione di un fabbricato di due piani in via Chambery (al civico 91) confiscato alla criminalità organizzata quattro anni fa. L’immobile, dopo il via libera definitivo del Consiglio comunale, entrerà a far parte del patrimonio comunale della comunità torinese e sarà destinato a ospitare servizi pubblici e attività nel campo del sociale.

L’IMMOBILE - La struttura è composta da un fabbricato di due piani con autorimessa e una piccola area esterna. La proprietà può passare al Comune di Torino in forza a quanto stabilito dall’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.