16 agosto 2018
Aggiornato 09:40

Torino: è Falcinelli il nome nuovo per l'attacco

La dirigenza granata è già al lavoro per rinforzare l'organico in vista della prossima stagione
Diego Falcinelli, attaccante della Fiorentina in prestito dal Sassuolo
Diego Falcinelli, attaccante della Fiorentina in prestito dal Sassuolo (ANSA)

TORINO - Walter Mazzarri è stato chiaro: per l'anno prossimo vuole un Torino diverso rispetto a quello ereditato da Sinisa Mihajlovic lo scorso gennaio. Il tecnico livornese chiede calciatori con caratteristiche particolari, non compatibili con molti di quelli attualmente in rosa, soprattutto perchè il gioco a 3 punte schierato dai granata in questa stagione non convince l'allenatore, più propenso al suo congeniale 3-5-2, marchio di fabbrica a Reggio Calabria, a Genova e a Napoli quando ha ottenuto i risultati migliori della sua carriera in panchina. Un Torino che il prossimo anno dovrà far meglio di questo, lottando per la qualificazione Uefa fino alla fine, obiettivo che, teoricamente, la società aveva previsto anche in questo 2017-2018 che si è al contrario rivelato assai deludente.

Obiettivo

Mazzarri chiede a Cairo e Petrachi qualche sforzo sul mercato, senza per questo dissanguare le casse toriniste e, possibilmente, alzando il livello della rosa con calciatori funzionali al suo gioco. In attacco, ad esempio, gli esterni sono troppi ed il tecnico toscano gradirebbe un elemento bravo ad agire sia da seconda punta che, all'occorrenza, anche da centravanti puro. Il nome in cima alla lista dei desideri è quello di Nestorovski del Palermo, ma i siciliani al momento ritengono il macedone incedibile, soprattutto se ai playoff dovessero raggiungere la promozione in serie A; diverso sarebbe il discorso in caso di mancato salto di categoria dei palermitani, a quel punto quasi costretti a cedere il proprio pezzo da novanta. Ma il Torino, in attesa che si concluda la stagione di serie B, guarda anche altrove per potenziare l'attacco ed il nome maggiormente in voga come alternativa a Nestorovski è quello di Diego Falcinelli, in prestito alla Fiorentina dal Sassuolo; l'attaccante umbro ha trovato poco spazio in Emilia ed ancor meno a Firenze dove è arrivato nell'ambito dell'operazione che ha portato Babacar in neroverde. A giugno tornerà al Sassuolo ma difficilmente rimarrà alla corte di Iachini ed il Torino potrebbe formulare l'offerta giusta per acquistarlo a titolo definitivo e renderlo la prima alternativa ad Andrea Belotti e all'attacco granata, come espressamente richiesto da un Mazzarri pronto a centrare i traguardi richiesti dalla proprietà.