26 maggio 2018
Aggiornato 15:30
Tav

Il contratto Lega-M5S sospende il Tav? «Progetto da ridiscutere»: Chiamparino furioso

Nella pagina 34 della bozza di contratto di Governo si legge: «Impegno a sospendere i lavori esecutivi e ridiscutere integralmente il progetto Tav»

Luigi Di Maio e Matteo Salvini (© ANSA)

TORINO - Contratto di Governo Lega-M5S, pagina 34: «Impegno a sospendere i lavori esecutivi e ridiscutere integralmente il progetto Tav». Trema l’alta velocità Torino-Lione. Dopo anni di proteste dei cittadini mai avallate dal Governo, Lega e Movimento 5 Stelle sembrano concordi sulle criticità del progetto Tav. C’è di più: nella bozza di contratto che dovrebbe essere approvata da Matteo Salvini e Luigi Di Maio, la questione alta velocità è segnata con la matita rossa e, se l’accordo tra le due forze politiche dovesse essere ratificato, tutto potrebbe essere rimesso in discussione. L’ipotesi stop c’è ed è concreta, anzi: non è mai stata più concreta di ora.

LA FURIA DI CHIAMPARINO - Già lo scorso luglio la Francia aveva fatto sapere di volersi prendere una pausa di riflessione, ma segnali di questo tipo non erano mai arrivati dall’Italia. L’ipotesi che il nuovo Governo possa mettersi di traverso al Tav, ha mandato su tutte le furie il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino: «Si tratta di una inaccettabile penalizzazione per la nostra Regione, per Torino e per la logistica del Nord Ovest». Poi, messa da parte la rabbia per il possibile scenario delineato da Lega-M5S, la promessa di battaglia: «Noi ci opporremo in ogni modo per impedire che si torni indietro».