16 agosto 2018
Aggiornato 19:30

Metro Linea 2, il rebus continua: forse estesa fino a Orbassano

L'obiettivo di Systra è massimizzare la capacità trasportistica del percorso: è possibile che la Linea 2 si estenda fino a Orbassano centro
Metro Linea 2
Metro Linea 2 (Diario di Torino)

TORINO - Sono ancora molti i dubbi che circondano il progetto della Linea 2 della metropolitana di Torino che, secondo le ultime informazioni trapelate, potrebbe estendersi fino a Orbassano centro e San Mauro, forse Venaria. Le due estremità del tracciato - una delle quali dovrà ospitare il deposito treni di circa 7 ettari - saranno decise da Systra, la società incaricata della progettazione preliminare, sulla base dei dati. E soprattutto nell’intenzione di massimizzare la capacità trasportistica del percorso, con un possibile incremento del bacino potenziale di utenti del 5%: fondamentale per garantire la sostenibilità dell’opera e giustificare l’investimento previsto.

LE MODIFICHE AL TRACCIATO - Le modifiche migliorative effettuate al tracciato della Linea 2 rispetto all’originale vanno proprio verso questo obiettivo: aumentare i cittadini coinvolti dal trasporto. Il progetto base - tra Cimitero Parco e Piazza Rebaudengo - prevede, in un orario di punta, una domanda potenziale di 36mila persone l’ora nelle due direzioni di marcia, con un marcato squilibrio in termini di domanda sulle due direzioni: circa 16,5 mila persone all’ora in direzione Nord e circa 20mila persone all’ora in direzione Sud. Nel caso in cui il tracciato venisse esteso a Orbassano centro, con un passaggio da Porta Nuova e senza l’eventuale diramazione Nord/Est, gli utenti aumenterebbero, diventando, in un orario di punta, 45mila persone all’ora nelle due direzioni.

I FONDI ENTRO SETTEMBRE 2019 - Con il nuovo progetto il tracciato si estenderebbe quindi per 13-14 chilometri con un bacino potenziale di circa 170mila passeggeri, per ben 24 fermate previste. Resta da capire come saranno individuate le estremità. In una di esse dovrà essere costruito il deposito treni e il centro di controllo, che dovranno sorgere presumibilmente nel Primo Lotto funzionale, per cui l’assessora ai Trasporti Maria Lapietra prevede di chiedere i soldi per il finanziamento al Ministero entro settembre 2019.

INCONTRI COL TERRITORIO - Intanto si attende il progetto preliminare della Linea 2 che sarà consegnato entro il 12 dicembre 2018. Nel frattempo Systra non starà con le mani in mano. Nelle prossime settimane verranno organizzati incontri pubblici per una concertazione con il territorio del tracciato che, appunto, potrebbe diramarsi anche fino a Orbassano e San Mauro.