22 giugno 2018
Aggiornato 19:00

«Pericolo sicurezza»: Appendino ordina lo sgombero del campo nomadi di corso Tazzoli

Dopo l’incendio delle scorse settimane, la sindaca ha firmato l’ordinanza per lo sgombero del campo nomadi che ospita 150 persone circa. Le operazioni si svolgeranno domani, all’alba

L'incendio del campo nomadi di corso Tazzoli delle scorse settimane (© Claudio Raffaelli)

TORINO - Il campo nomadi di corso Tazzoli verrà sgomberato domani mattina, martedì 5 giugno. L’ordine arriva dalla sindaca Chiara Appendino. Dopo i recenti problemi, tra incendi delle baracche e ritrovamento di bombole del gas, l’assessore a Stranieri e Nomadi, Sonia Schellino, ha definito la situazione come «pericolosa», motivo per cui le persone verranno spostate domani mattina.

CAMPO NOMADI DI CORSO TAZZOLI LO SGOMBERO - Lo sgombero avverrà alle prime luci dell’alba, a partire dalle 7:00 del mattino. Stando alle stime fornite dal Comune, sarebbero circa 150 le persone da «spostare», un’operazione non di certo semplice. I nomadi che sono accampati nelle 60 baracche in corso Tazzoli sono già stati avvisati con ordinanze scritte in italiano e romeno: la maggior parte di loro verrà ospitata nella palestra della protezione civile, nel quartiere Vallette e un sito in via Onorato Vigliani, mentre i malati verranno trasferiti nelle strutture ospedaliere della città.

CAMPO NOMADI DI CORSO TAZZOLI, PARLA LA POLITICA - Il consigliere Lo Russo ha raccomandato una grande cautela affinché non si sposti solo il problema, senza risolverlo, e ha chiesto come verranno reperite le risorse economiche necessarie. Una problema che non sembra preoccupare il consigliere Antonino Iaria (M5S) che ha spiegato come molti degli occupanti del campo stiano già seguendo percorsi di re-inserimento Infine, l’assessore all’Ambiente Alberto Unia ha ribadito che lo sgombero è necessario per garantire la sicurezza degli abitanti del campo, che sono già stati tutti censiti. L’impegno della Giunta – ha concluso – è stato massimo.