23 ottobre 2018
Aggiornato 07:30

Sgomberato il campo nomadi di corso Tazzoli: rom allontanati, arrivano le ruspe

Le operazioni sono in corso dalle prime luci dell’alba: poche le persone che hanno accettato aiuti dal Comune, in molti sono andati via nella notte

TORINO - È in corso in queste ore lo sgombero del campo nomadi di corso Tazzoli: alle prime luci dell’alba, decine di agenti della polizia municipale sono entrati nel campo abusivo e hanno allontanato le poche persone rimaste. La maggior parte dei nomadi, infatti, ha lasciato le baracche e le roulotte nella notte.

LO SGOMBERO - Alle 08:00 del mattino nel campo non c’era già più nessuno. Gli agenti della polizia municipale stanno bonificando l’area, rimuovendo le bombole a gas presenti, le stesse che qualche settimana fa erano state la causa dell’incendio scoppiato dentro il campo. A un’ora circa dall’inizio delle operazioni, sono arrivate anche le ruspe di Amiat: a breve inizierà l’abbattimento delle costruzioni abusive. Sul posto anche la polizia di stato, il cui intervento non è stato per ora necessario.

Sgombero corso Tazzoli

Sgombero corso Tazzoli (© Diario di Torino)

I NOMADI VANNO VIA - Lo sgombero, ordinato dalla sindaca Chiara Appendino, riguarda circa 150 persone, mentre le unità abitative sono una sessantina. Resta da capire dove andranno i nomadi costretti a lasciare le loro «case» per motivi di sicurezza: come detto, in pochi hanno scelto di spostarsi questa mattina con i mezzi messi a disposizione dal Comune. Alcuni hanno già raggiunto altri presidi, mentre altri hanno lasciato il campo a piedi facendo perdere le proprie tracce. Lo sgombero è ancora in corso e per il momento non si registrano tensioni.

Sgombero corso Tazzoli

Sgombero corso Tazzoli (© Diario di Torino)