22 giugno 2018
Aggiornato 19:00
Cronaca | Via Brosso 2

Accoltella il vicino di casa a Madonna di Campagna, brasiliano si costituisce dopo 2 giorni

Il litigio culminato con l’accoltellamento del 44enne era nato per un banalissimo motivo: una bicicletta presa in prestito o, forse ma è ancora da chiarire, rubata, al figlio del brasiliano da un amico del figlio del romeno

Carabinieri (© ANSA)

TORINO - E’ finita con l’arresto dell’aggressore, che si è costituito dopo due giorni di fuga, il tentato omicidio avvenuto domenica mattina, intorno alle ore 7, in via Brosso 2, a Madonna di Campagna. Gilson D.S., brasiliano di 40 anni, si è costituito dai carabinieri a Venaria mettendo così fine alle ricerche iniziate con la segnalazione dei vicini di casa svegliati dalle urla di un condomino, romeno di 44 anni, con cui il brasiliano (residente anch’egli in via Brosso 2) stava litigando.

Il litigio culminato con l’accoltellamento del 44enne era nato per un banalissimo motivo: una bicicletta presa in prestito o, forse ma è ancora da chiarire, rubata, al figlio del brasiliano da un amico del figlio del romeno.

Il condomino ferito era stato subito trasportato al San Giovanni Bosco in codice rosso, dove si trova tuttora. I medici gli hanno dato una prognosi di 45 giorni a causa della coltellata ricevuta tra il petto e l’addome. Dopo l’aggressione il brasiliano si era dato alla fuga lasciando, oltretutto, anche il figlio di 15 anni in casa da solo.