La Juventus blinda Pjanic: già pronto il rinnovo

I bianconeri vogliono cautelarsi dopo le offerte pervenute per il regista bosniaco
Miralem Pjanic, regista bosniaco della Juventus
Miralem Pjanic, regista bosniaco della Juventus (ANSA)

TORINO - Miralem Pjanic e la Juventus: un matrimonio ancora troppo giovane per essere chiuso. Il regista bosniaco, uno dei punti fermi della formazione di Massimiliano Allegri, è in cima alla lista dei desideri di numerosi club europei, dalle big di Spagna al Paris Saint Germain, fino al Manchester United che nelle ultime settimane ha provato a contattare l’entourage del calciatore.  La Juve non vuole privarsi dell’ex romanista, ritenuto fra gli incedibili del tecnico, ma è evidente che di fronte a cifre ed offerte da capogiro, potrebbe essere lo stesso Pjanic a premere per una cessione, o quantomeno trovarsi disponibile ad un colloquio con altre dirigenze. Ipotesi che i campioni d’Italia vogliono assolutamente evitare per non finire come anello debole della catena, ostaggio del centrocampista e della sua eventuale voglia di confrontarsi con altri campionati.

Rinnovo

Ecco perché Marotta ha già nel cassetto della sua scrivania il prolungamento del contratto di Pjanic, ad oggi in scadenza nel 2021 e pronto per essere rinnovato sino al 2023. Non solo, il regista bianconero arriverà a guadagnare 6 milioni di euro, ovvero uno e mezzo in più rispetto agli attuali 4,5, offerta che dovrebbe convincere il giocatore a giurare fedeltà alla Juventus declinando ogni altro tipo di proposta proveniente dall’estero. Una Juve convinta di riuscire a blindare il suo regista, fondamentale nello scacchiere tattico di Allegri che punta ora ad alzare il livello tecnico della linea mediana, già peraltro rinforzata dall’arrivo a parametro zero di Emre Can, strappato al Liverpool e al corteggiamento di mezza Europa.