12 novembre 2018
Aggiornato 23:00

A Torino arriva il kit «anti-violenza» per le donne che denunciano gli abusi

L’obiettivo è permettere e convincere le donne che hanno denunciato violenze e maltrattamenti, a non tornare a casa e cambiare definitivamente vita
A Torino arriva il kit «anti-violenza»
A Torino arriva il kit «anti-violenza» ()

TORINO - Una borsa con alcuni oggetti «di prima necessità» contenenti biancheria intima, asciugamani, pantofole, prodotti per l’igiene personale, destinati alle donne che hanno denunciato di aver subito violenze e per le quali sarebbe troppo pericoloso il ritorno a casa.

IL KIT PER LE DONNE - Si tratta dell’iniziativa presentata a Palazzo Lascaris e promossa dal Soroptimist International – Club di Torino con il patrocinio della Consulta femminile del Consiglio regionale. Il kit, destinato alla dotazione delle stanze di ascolto protetto del progetto «Una stanza tutta per sé» sarà consegnato in via sperimentale al Nucleo di prossimità della polizia municipale di Torino, situato in via Bologna 74. I kit saranno custoditi nella «stanza» allestita presso la loro sede e gli addetti potranno consegnarli al momento dell’accompagnamento della donna nella struttura di accoglienza, sia essa temporanea o definitiva.

LAVORO DI SQUADRA - L’obiettivo è permettere e convincere le donne che hanno denunciato violenze e maltrattamenti, a non tornare a casa e cambiare definitivamente vita. Alla presentazione è intervenuta anche l’assessora alle Pari opportunità, Monica Cerutti, che ha sottolineato l’importanza di un progetto che si integra attivamente con quanto già esiste, dai centri antiviolenza alle case rifugio, e che testimonia il lavoro comune svolto dalle istituzioni con la società civile affinché si riesca ad arrivare capillarmente a chi ha bisogno di questi servizi.