21 novembre 2018
Aggiornato 09:00

Cannabis nelle sigarette elettroniche: fermato un ragazzo al terminal dei bus

Lo «sballo» tramite sigarette elettroniche è sempre più frequente: nelle fiale di ricarica, presente il 60% di Thc
Controlli al terminal dei bus (immagine d'archivio)
Controlli al terminal dei bus (immagine d'archivio) (Guardia di Finanza)

TORINO - Droga nelle sigarette elettroniche: la Guardia di Finanza di Torino ha effettuato un intervento presso il terminal dei bus di corso Vittorio Emanuele II: Jane, il cane antidroga delle Fiamme Gialle, ha trovato 24 fiale di ricariche inalabili per sigarette elettroniche di thc liquido (estratto di cannabis). Il proprietario delle fiale? Un giovane ragazzo, appena sceso dal bus.

IL FERMO - Il giovane, un 26enne, nel bagaglio nascondeva 5 kit di sigarette elettroniche e 24 fiale di ricarica contenenti Thc in forma liquida, uno dei più noti principi attivi della cannabis. I finanzieri hanno fatto analizzare la sostanza rinvenuta presso il laboratorio e servizi chimici dell'azienda delle Dogane e Monopoli di Torino: è emerso che le sigarette contenevano il 60% di Thc, un valore di gran lunga superiore al limite consentito. Dalla sostanza sequestrata si sarebbero potute ricavare almeno 170 dosi medie singole. E' sempre più frequente lo "sballo" tramite sigaretta elettronica.