Eventi & Cultura | Cinema a Palazzo Reale

Un’estate di grande cinema a Palazzo Reale: tutti i film in programma 

Dal 17 luglio al primo settembre la piazzetta Reale di Torino si trasforma in un grande cinema a cielo aperto. Tra grandi classici, live e anteprime, ecco la programmazione per la settimana edizione di Cinema a Palazzo Reale

Cinema a Palazzo Reale
Cinema a Palazzo Reale (Facebook Official Page)

TORINO - Quarto Potere, Vacanze Romane, Grand Budapest Hotel... torna anche quest’anno l’attesissimo appuntamento con Cinema a Palazzo Reale. Giunto alla sua settima edizione, il festival cinematografico propone 41 serate all’insegna del grande cinema: una bella tradizione che accompagna i torinesi nelle calde sere d’estate e che sembra essere, di anno in anno, sempre più apprezzata. «Quest'anno Cinema a Palazzo Reale ha fatto un grande salto di qualità: non è solo una rassegna, è un evento culturale a tutto tondo» ha commentato l'assessore comunale alla Cultura, Francesca Leon, sottolineando inoltre la grande abilità del Distretto del Cinema di creare relazioni con diverse istituzioni culturali del territorio. 

CINEMA A PALAZZO REALE - Si parte ufficialmente il 17 luglio con la presentazione in anteprima di Il Fuoco di Giovanni Pastore: I giardini di Mirò hanno scritto un’apposita partitura per l’occasione, che verrà realizzata dal vivo la sera della proiezione. Si prosegue il 18 luglio con la versione restaurata del «miglior film americano di sempre» secondo l’American Film, Quarto Potere. Il lungometraggio di Orson Welles verrà proposto in lingua originale e, soprattutto, in versione integrale con scene inedite. «Siamo felicissimi di ospitare questa rassegna così speciale» ha commentato Enrica Pagella, direttrice dei Musei Reali, in occasione della conferenza stampa dell'evento, «Un programma bellissimo, molto variegato nelle scelte, spesso anche difficili». Pagella ha inoltre posto l'attenzione sulla proiezione di Senso il 21 luglio, in occasione della quale ci sarà un'apertura straordinaria della Collezione Riccardo Guallino, custodita nella Galleria Sabauda.
 
PROGRAMMA - Il calendario delle proiezioni si snoderà dal 17 luglio al primo settembre, su diversi filoni tematici. Nella sezione ‘Quelle prime volte’ rientrano alcuni film d’esordio d’autore come L’uccello dalle piume di cristallo di Dario Argento (18 agosto) e I quattrocento colpi di Truffaut (26 agosto). ‘Amore e altre amenità’ raccoglie invece 5 pellicole che ‘fanno battere il cuore’: Harold e Maude (5 agosto), Vacanze romane (12 agosto), Harry ti presento Sally (16 agosto), Come eravamo (23 agosto) e In the mood for love (25 agosto). Veniamo poi a 'Proibitissimo', che porta alla luce pellicole sopravvissute alla censura italiana. I film che fanno parte di questa sezione (Saló o le 120 giornate di Sodoma di Pasolini, Umberto D. di Vittorio De Sica e I vitelloni di Fellini) sono legati a filo doppio alla mostra ideata da Irene Dionisio, in collaborazione con il Museo del Cinema, sul tema della censura. Tra le punte di diamante della programmazione ci sono inoltre i film del ciclo ‘Il coraggio di essere donne’ il cui apice si avrà il 14 luglio con il film del 2017 Tre manifesti a Ebbing, Missouri. A questo si aggiunge La ciociara di De Sica (29 luglio), Million Dollar Baby (19 agosto) e Sussurri e grida (29 agosto). Per il ciclo 'Tentezioni noir': La fiamma del peccato (27 luglio), La signora di Shanghai (17 agosto), Vertigine (24 agosto) e Le catene della colpa (30 agosto). Infine abbiamo tra gli ‘Scelti dal pubblico': Il cacciatore (4 agosto), L'avventura (7 agosto), Il promontorio della paura (11 agosto), Grand Budapest Hotel (15 agosto), Operazione sottoveste (21 agosto), Un uomo da marciapide (28 agosto) e La donna della domenica (31 agosto). 

EVENTI - Un cartellone, quello dell'edizione 2018, che si impegna inoltre a mettere in luce l’intreccio tra cinema e musica come si nota nella pellicola che apre la rassegna, nella proposta della La corazzata Potemkin (25 luglio), in La passione di Giovanna d’Arco (3 agosto), accompagnata al piano dal vivo da Stefano Maccagno. E ancora, parlando di musica, ne La cuccagna (26 luglio), realizzato in collaborazione con Piemonte Movie, che omaggia Luigi Tenco. Il festival appare inoltre caratterizzato da nuove collaborazioni, prima fra tutte quella con Lonely Planet, che ha scelto di collaborare con Cinema a Palazzo Reale attraverso tre documentari: Il sale della terra (22 luglio), Koyaanisqatsi di Godfrey Reggio (primo agosto) e Visages, villages del regista belga Agnés Varda. Vogliamo segnalare inoltre il grande classico La casa delle finestre che ridono, il 28 luglio, proiettato in occasione del compleanno di Pupi Avati e Il sorpasso (31 luglio) scelto da Riccardo Passoni, direttore della Gam. Non manca di interesse anche l'ultima proiezione della rassegna: l'anteprima Piazza Vittorio del regista americano Abel Ferrara. Un lungo elenco che mostra la volontà da parte di Distretto Cinema di trovare un compromesso tra autorialità e gusti del pubblico, alla costante ricerca di un punto di mediazione tra i gusti dei cinefili e quelli dei non specializzati. Saranno riusciti nell'intento?

INFORMAZIONI PRATICHE - L'orario delle proiezioni sarà, come per gli anni passati, fisso alle 22. Qualsiasi variazione nella programmazione (specialmente quelle legate alle condizioni meteo) saranno reperibili sul sito www.distrettocinema.it. Il costo del biglietto è di 6 euro (5 per universitari, dipendenti MiBACT, possessori di abbonamento tessera musei e soci CRAL BBCC Rino Rossi). Gli over 65 invece pagheranno un ingresso ulteriormente ridotto al prezzo di 4 auro. I posti a sedere saranno 400 in toale (100 in meno rispetto allo scorso anno, per poter permettere in sicurezza lo svolgimento delle esibizioni live). L'intera manifestazione è supportata da un contributo economico regionale pari a 25mila euro.