18 ottobre 2019
Aggiornato 00:30
Cronaca

Picchiò i poliziotti per far scappare i pusher: arrestato senegalese violento

Il giovane, appena 18enne, solo qualche giorno prima aveva cercato di impedire l'arresto di alcuni connazionali: appena ha visto la polizia ha provato a scappare

TORINO - E' una continua "lotta" tra pusher e polizia nel quartiere Barriera di Milano: l'8 luglio, durante l'arresto di alcuni spacciatori senegalesi, diversi connazionali si erano scagliati contro gli agenti nel tentativo di impedire l'arresto dei pusher. Qualche giorno fa una pattuglia della Squadra Volante, in piazza Montanaro, si è imbattuta in un giovane che aveva fatto parte del gruppo: dopo un breve inseguimento il ragazzo è stato fermato. Si tratta di un 18enne irregolare sul territorio nazionale e con precedenti di polizia. In tasca, oltre a 1300 euro, aveva due telefoni cellulari. Quando il giovane ha capito che i poliziotti gli avrebbero sequestrato tutto, il senegalese si è scagliato contro i poliziotti ma è stato tratto in arresto ed è stato deferito all'Autorità Giudiziaria per concorso in favoreggiamento in relazione ai fatti dell'8 luglio.

FALSE IDENTITA' -Nella stessa giornata, gli operatori della Squadra Volante hanno arrestato per false attestazioni sull’identità personale un altro cittadino senegalese. Quest’ultimo, per ben quattro volte nell’arco di cinque mesi aveva sempre falsamente dichiarato di essere minorenne al fine di sottrarsi ai provvedimenti di polizia. Il giovane era sempre stato individuato nell’area di piazza Montanaro. In due precedenti occasioni era stato trovato in possesso di sostanza stupefacente detenuta ai fini di spaccio e deferito all’Autorità Giudiziaria. A carico dello straniero sono emersi tre Ordini del Questore di abbandonare il Territorio Nazionale ai quali il giovane non ha mai ottemperato.