21 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
Cronaca

Panico in piazza Statuto, donna si rifugia in un negozio per scappare dall'ex compagno violento

L'uomo, un cittadino egiziano di 36 anni irregolare in Italia, è stato arrestato per atti persecutori. Solo la prontezza di alcuni commessi gli ha impedito di aggredire la donna

TORINO - Si è rifugiata in un esercizio commerciale per sfuggire dalla furia dell'ex compagno violento. Ha dell'incredibile quanto accaduto ieri in piazza Statuto, dove una donna è stata inseguita dall'uomo che fino a poco tempo prima era il suo fidanzato, un cittadino egiziano di 36 anni.

L'AGGRESSIONE IN PIAZZA STATUTO - L'uomo, irregolare sul territorio nazionale e arrestato la scorsa settimana per maltrattamenti in famiglia, l'ha contattata per essere certo che la donna avesse ritirato la querela sporta qualche settimana prima. Nonostante la donna non avesse alcuna voglia di rivedere l'ex compagno, quest'ultimo è riuscito a farsi concedere un ultimo appuntamento, con la promessa che tutto sarebbe andato bene: purtroppo per, il 36enne si è subito rivelato violento e ha picchiato e minacciato l'ex compagna impedendole di allontanarsi.

L'ARRESTO - A quel punto, terrorizzata dall'uomo che la perseguitava, la donna è scappata e si è rifugiata in un locale chiedendo aiuto. Solo grazie all'intervento del personale dell'esercizio commerciale, che ha fatto scudo alla vittima dell'aggressione, l'uomo violento non è riuscito a raggiungere la donna. A quel punto sono intervenuti gli agenti della Squadra Volante che hanno arrestato il cittadino egiziano per atti persecutori: anche davanti ai poliziotti, il 36enne ha provato ad aggredire l'ex compagna, in un ultimo vano tentativo di farle del male.