19 ottobre 2019
Aggiornato 11:00
Cronaca

Tornano da messa e trovano i ladri in casa: fermati due minorenni, uno rischia il linciaggio

I due, approfittando dell’assenza dei proprietari, si sono introdotti in un appartamento vuoto: entrambi non hanno nemmeno 18 anni

TORINO - L’estate, come noto, è il periodo in cui i ladri «visitano» più spesso gli appartamenti lasciati vuoti da proprietari o inquilini in vacanza. Ed è proprio approfittando dell’assenza di persone, uscite però per andare a messa, che due minorenni, domenica, hanno rubato in un appartamento di corso Rosselli. I ladri, entrambi nemmeno 18enni, sono stati sorpresi da alcune persone e hanno tentato la fuga.

IL FERMO - Uno dei due, fermato dai passanti, ha rischiato il linciaggio: quando i poliziotti sono intervenuti, attorno a lui vi era un capanello di persone decisamente infuriate. Il complice invece è riuscito a darsi alla fuga, ma è stato rintracciato poco dopo dagli agenti. Non appena ha visto i poliziotti, ha tentato di disfarsi di una sacca nascondendola nei cespugli e di due orologi. Nonostante il tentativo di fuga, il giovane è stato fermato dai poliziotti: addosso aveva diversi oggetti preziosi. Nella sacca precedentemente abbandonata e poi recuperata, gli agenti hanno rinvenuto diversi pezzi di argenteria. Nella disponibilità del ragazzo fermato dai passanti, invece, gli agenti hanno trovato denaro contante, probabile provento di furto e diversi monili occultati in una federa. Questi ultimi, insieme al borsellino e agli orologi sono stati riconosciuti come propri dalla vittima.

IL FURTO - Poco prima dell’intervento dei poliziotti, i due minori si erano introdotti in un’abitazione di corso Rosselli sfruttando l’assenza dei proprietari dell’alloggio. Tuttavia, quando questi ultimi sono tornati da messa hanno udito dei rumori e hanno visto fuggire dalla finestra della cucina i due ragazzi. Il proprietario si è messo all’inseguimento e ha fermato, con l’aiuto dei passanti, uno dei due rei. A seguito di accertamenti, è emerso che uno dei due ragazzi, il più giovane, era gravato da precedenti di polizia. Entrambi, oltre ad essere stati arrestati per furto aggravato in abitazione sono stati denunciati per ricettazione a causa del possesso degli oggetti non riconosciuti come propri dal proprietario di casa.