21 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Via Paisiello

Senza biglietto sul bus aggredisce un controllore, 30 giorni di prognosi al Maria Vittoria

Un controllore è stato aggredito da un cittadino straniero che poi si è dato alla fuga. Per il dipendente Gtt la prognosi è di 30 giorni. I fatti sono avvenuti sul bus della linea 57

TORINO - Ieri mattina, alle 9.30, sulla linea 57 che stava transitando in via Paisiello è avvenuta un'aggressione ai danni di un controllore. Un trentenne straniero, probabilmente di nazionalità nigeriana secondo i presenti, è salito sull'autobus e quando un controllore gli ha chiesto il biglietto ha reagito male. Non avendolo, e per evitare la multa, ha aggredito l'assistente alla clientela procurandogli una frattura al dito prima di scappare dal mezzo pubblico.

30 GIORNI DI PROGNOSI - Il passeggero è riuscito a dileguarsi mentre il controllore è stato soccorso e trasportato all'ospedale Maria Vittoria. I medici lo hanno dimesso con una prognosi di 30 giorni. "Da inizio anno sono già 13 agenti infortunati per aggressione e l'azienda non intende ancora intervenire in maniera seria e strutturata per garantire maggiore sicurezza del personale respingendo ogni proposta della rsu del settore, nascondendosi dietro dati statistici annuali", tuona Damiano De Padova dell'Rsu Ugl, "intanto il personale non solo subisce l'aggressione ma in più ci rimette economicamente".