21 agosto 2018
Aggiornato 06:00

Addio ai biglietti cartacei, da oggi debuttano i «chip on paper» sui mezzi Gtt

Chi avesse ancora biglietti singoli o carnet "vecchi", ha tempo fino al 31 dicembre per sostituirli. Da oggi sui mezzi Gtt si viaggia solo con i nuovi "chip on paper" o con la smart card
Debuttano i biglietti "chip on paper"
Debuttano i biglietti "chip on paper" ()

TORINO - La rivoluzione è iniziata mesi fa ma da oggi la questione si fa ancora più seria. Da oggi, primo agosto, non sono più validi i biglietti cartacei dei mezzi pubblici Gtt, sostituiti dall'innovativa "chip on paper", una sorta di evoluzione dei classici biglietti cartacei. Questi sono acquistabili come quelli ormai in disuso e vanno bippati una volta saliti a bordo. I "chip on paper" sono dotati di un microchip e di fatto vanno a completare l'offerta insieme alla smart card, di cui però si fanno tante polemiche per il mancato arrivo a casa nei tempi previsti.

BIGLIETTI CARTACEI - Come dicevamo da oggi i biglietti cartacei non sono più validi. Chi ne ha ancora, siano biglietti per una corsa singola o carnet da 5 e 15 corse, ha tempo per sostituirli con quelli nuovi fino al 31 dicembre. Il cambio è gratuito, al massimo si deve pagare la differenza essendo diverse le tariffe. Per la sostituzione sono abilitati solo due centri di servizio al cliente di Gtt: uno è quello di Porta Nuova e uno quello di Porta Susa. La procedura è già attiva da questa mattina.

SMART CARD - A completare l'offerta c'è la smart card, anche questa ritirabile da diversi mesi. Sono due i modi di ottenerla. O si richiede tramite l'e-commerce del sito internet di Gtt: in questo caso è gratuita fino al 31 dicembre, ma molti hanno lamentato la lentezza nell'invio. Oppure si può acquistare nei centri Gtt al costo di 5 euro. Fino a oggi sono stati 120mila i torinesi che l'hanno richiesta, di cui un terzo (40mila) solo nel mese di giugno.