17 ottobre 2018
Aggiornato 21:00

Litigano in due per l'ordine troppo maniacale, finisce a coltellate a Nichelino

Due ospiti dell'associazione "L'Ulivo" di Nichelino sono passati dalle parole ai fatti per futili motivi. La vittima, 36 anni, è stata colpita quattro volte alla coscia. L'aggressore è invece fuggito
Lite finisce a coltellate
Lite finisce a coltellate (Shutterstock.com)

NICHELINO - Una lite nata per futili motivi ha dato vita a una violenta lite, culminata con un accoltellamento, tra due ospiti dell'associazione "L'Ulivo" di Nichelino. Uno dei due, la vittima, un uomo di 36 anni, è stato colpito quattro volte alla coscia con un coltello a scatto da un trentatreenne che poi si è dato alla fuga. Pare che tutto sia nato su una discussione sulla maniacalità del trentaseienne nell'ordinare la sua camera.

MINACCE E SCHIAFFONI - Inizialmente la lite ha preso corpo all'interno della struttura di via Juvarra. I toni si sono accesi e sarebbe volato qualche schiaffo. Quello però non era che il preludio a quanto sarebbe avvenuto dopo, fuori dal centro. I due si sono dati appuntamento, ma a differenza di prima è spuntato fuori un coltello a scatto, finito quattro volte dentro la gamba del trentaseienne, anche se per fortuna in maniera poco profonda.

SANTA CROCE - Il ferito è stato soccorso e trasportato all'ospedale Santa Croce di Moncalieri. Secondo i medici sarà guarito dalle ferite provocate con il coltello in una quindicina di giorni. Già ieri ha potuto lasciare la struttura sanitaria e fare rientro presso l'associazione a Nichelino. Non è tornato invece l'aggressore. I carabinieri sono sulle sue tracce: per lui l'accusa è di lesioni aggravate.