5 luglio 2020
Aggiornato 22:30
CRONACA

San Bernardo ucciso da una carabina: 5000 euro di taglia sull'assassino

L’Aidaa, Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente, ha messo in palio 5000 euro per chiunque aiuterà ad individuare, denunciare e condannare l’assassino del cane ucciso con uno sparo

CARAVINO - E’ caccia all’assassino di Gaia, cane San Bernardo di otto mesi brutalmente ucciso da un colpo di carabina a Caravino, paese del Canavese in provincia di Torino. I carabinieri indagano per trovare il responsabile e anche le associazioni animaliste si stanno mobilitando. Spicca in tal senso l’iniziativa di Aidaa, Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente, che ha messo in palio 5000 euro per chiunque aiuterà ad individuare, denunciare e condannare l’assassino del cane ucciso con uno sparo.

LA TAGLIA SULL’ASSASSINO DEL SAN BERNARDO - L’omicidio del cane ha scosso non solo Caravino e i paesi limitrofi, ma tantissime persone amanti degli animali. Il racconto di Salvatore Precipuo, l’uomo che si è visto portare a casa il cane dalla padrona, mette infatti i brividi. Come può una persona aver commesso una simile brutalità? Quel che è certo è che gli sforzi per assicurare alla giustizia il responsabile del crimine sono massimi. Lorenzo Croce, presidente di Aidaa, spiega: «La taglia verrà pagata a chi aiuterà ad individuare, denunciare e far condannare in via definitiva con la sua testimonianza la persona autore dello sparo che ha ucciso il cucciolo di san Bernardo - ci dice il presidente di AIDAA - ovviamente oltre a fare segnalazioni ad AIDAA i testimoni dovranno rendere deposizione davanti alle forze dell'ordine». Chi avesse informazioni sensibili è quindi pregato di contattare le forze dell’ordine o Aidaa (3479269949 o direttivo.aidaa@libero.it).