21 novembre 2018
Aggiornato 12:30

Genova, sciacalli sorpresi a rubare sotto il ponte Morandi: sono tre sinti torinesi

Le fermate sono tre donne di etnia sinti di 18,36 e 45 anni: le più anziane sono state portate in carcere, la più giovane è stata scarcerata
Genova, sciacalli sorpresi a rubare sotto il ponte Morandi: sono tre sinti torinesi
Genova, sciacalli sorpresi a rubare sotto il ponte Morandi: sono tre sinti torinesi (ANSA)

GENOVA - Vergogna e incredulità. Non ci sono altre parole per descrivere le azioni commesse da tre ladre torinesi, sorprese dalla polizia a rubare tra i resti delle abitazioni sgomberate a Genova, sotto il Ponte Morandi. Le tre donne fermate, tutte di origine sinti, hanno 18,36 e 45 anni. La polizia le ha sorprese in via San Donà di Piave, proprio a ridosso del torrente Polcevera.

LADRE TORINESI SOTTO IL PONTE MORANDI - Due di loro, quelle di 36 e 45 anni, sono già state processate per direttissima e condotte nel carcere di Pontedecimo, mentre la più giovane è già stata scarcerata: per lei solo l’obbligo di firma a Torino e il divieto di dimora a Genova. Al momento del fermo le donne sono state trovate in possesso di arnesi da scasso. Aumentano i controlli per garantire la sicurezza nei luoghi rimasti abbandonati dopo il crollo del ponte: sono stati istituiti turni per coprire 24 ore su 24 la zona con dei controlli. Gli alloggi vuoti sono tantissimi, con circa 500 sfollati. Tre donne torinesi hanno provato a violare alcune di queste abitazioni ma, nonostante il tentativo, sono state fermate e assicurate alla giustizia.