15 dicembre 2018
Aggiornato 17:30

Dal carcere piange Christian dopo l’omicidio del patrigno: «Non ricordo cosa è successo»

Ha ucciso Domenico Gatti, un ex poliziotto in pensione sposato con la madre dal 2006, a colpi di pistola. In carcere ha avuto un lungo colloquio con l’avvocato dopo l’arresto
Omicidio a Settimo Torinese
Omicidio a Settimo Torinese ()

SETTIMO TORINESE - Dietro l’omicidio di Settimo Torinese ci sarebbe una lite per futili motivi, legata soprattutto alle amicizie del giovane omicida, Christian Clemente di 25 anni, e alla sua scarsa volontà di trovarsi un lavoro. Cose che il patrigno, Domenico Gatti di 59 anni, la sera del 18 agosto, non avrebbe mancato di rimproverargli dando il via a una litigata terminata in un bagno di sangue. Erano a casa di Domenico e della mamma di Christian, Silvana Villella, quando gli animi si sono accesi. Christian poi è andato via una mezz’oretta e quando è tornato aveva con sé la pistola che ha utilizzato sul pianerottolo: nove colpi sparati di cui due hanno colpito mortalmente l’ex poliziotto in pensione. A chiamare i carabinieri è stata la donna mentre il figlio si dileguava a bordo di un’auto.

INTENDERE E VOLERE - L’avvocato del giovane, arrestato per omicidio la sera stessa, potrebbe ora richiedere accertamenti sulla capacità di intendere e di volere di Christian. Intanto ieri c’è stato un colloquio di quasi un’ora tra il legale e il giovane in cui quest’ultimo avrebbe pianto per la maggior parte del tempo dicendo di non capire come abbia potuto compiere un gesto del genere e che tra lui e la vittima non c’erano tensioni. Domattina dovrà comunque presentarsi davanti al gip per l’udienza di convalida.

LA PISTOLA - L’arma del delitto non è stata trovata subito ma la mattina successiva all’omicidio. Christian l’aveva gettata in un campo. Dagli accertamenti la pistola risulta rubata ma non si sa nulla di più per il momento, come ad esempio come ne sia entrato in possesso il venticinquenne. Inoltre è stato dato l’incarico di eseguire le perizie balistiche per capire se in passato sia già stata utilizzata.