20 settembre 2018
Aggiornato 00:00

Tardano ad arrivare i nuovi bus e dopo l'incendio dito puntato sulla manutenzione dei mezzi Gtt

Sarebbero già dovuti arrivare 174 nuovi mezzi, ma il bando è andato deserto. Intenzione di Gtt è comunque quella di sostituire gran parte della flotta a oggi esistente entro il 2021
Le fiamme hanno avvolto il 18
Le fiamme hanno avvolto il 18 ()

TORINO - L'incendio che ha colpito l'autobus della linea 18 di Gtt in via Passo Buole ha riaperto il discorso sulla manutenzione dei mezzi pubblici, anche a fronte del mancato arrivo dei primi 174 autobus nuovi da inserire nella flotta per ringiovanirla. Per sapere esattamente cosa sia accaduto sabato bisognerà attendere i controlli di Gtt su quel che resta del mezzo: fortunatamente non ci sono stati feriti o intossicati, ma il rischio è stato altissimo. Il problema comunque dovrebbe essere il surriscaldamento del motore. Grazie all'autista comunque sono usciti tutti indenni perché appena ha capito che qualcosa non andava ha fermato il pullman e ha fatto scendere tutti i passeggeri: pochi minuti dopo le fiamme erano già molto alte.

MEZZI PUBBLICI VECCHI - La flotta di Gtt è composta da circa un migliaio di mezzi pubblici. La vita di ognuno di questi è di circa 15 anni, ma basti pensare che l'età media è di 12 anni per capire la situazione e le difficoltà. I problemi sono in continuo aumento, come dimostrano gli incendi di Nichelino, con il 35, e di Rivalta, con il 43, e la manutenzione è l'unica arma per rimettere in strada i mezzi che si guastano. Ecco, proprio la manutenzione rischia di essere un cruccio. Chi se ne occupa già tempo fa aveva problemi di organico e ora le cose non sono certo migliorate. La soluzione potrebbe essere quella di nuovi autobus, cosa già programmata.

NUOVI AUTOBUS (CON RITARDI) - Il nuovo piano industriale di Gtt prevedeva già l'acquisto di 470 nuovi mezzi metano e diesel di ultima generazione per ringiovanire la flotta, la maggior parte della quale è quasi prossima alla rottamazione. La data prevista entro la quale sarebbero dovuti arrivare i nuovi autobus è quella del 2021, ma sin dall'inizio ci sono stati ritardi, in primis sull'arrivo delle prime 174 visto che il bando è andato deserto. L'idea è ora quella di trattare direttamente con i privati del settore, mettendo come vincolo la manutenzione per dieci anni. La speranza ora è di avere i primi nuovi autobus nel 2019.